Il mio North

Il mio North di Carmen Jenner

Il mio North

Titolo: Il mio North
Serie: Stand Alone
Autore: Carmen Jenner
Genere: Second Chance Romance, Gay Romance, Angst
Narrazione
: Prima persona, Pov alternato
Tipo di finale: Chiuso
Numero di pagine: 256
Data di pubblicazione: 21 Luglio 2020
Editore: Hope Edizioni
Trama: Il ragazzaccio della classe operaia di Red Maine, North Underwood, ha un piccolo – indicibile – segreto: Will Tanner.
Amici fin dall’asilo, North era stato il primo a buttarsi, finendo nel letto Will. Will e North erano inseparabili, ma le cose cambiano, le persone si allontanano e persino una fiamma ardente può, col tempo, ridursi a una brace sul punto di spegnersi.
Dopo un incontro con una bottiglia di rum Bundy, Will e North si ritrovano in una posizione compromettente e fin troppo familiare.
Contorni confusi, pessime decisioni e una serie di passi sbagliati portano i due in una spirale di sarcasmo, segreti e sesso, che arriverà a mettere in discussione l’eterosessualità di North. E nonostante Will si ripeta che non farà più lo stesso errore, si ritrova innamorato perso a vagare senza una bussola.
L’amore è amore.
L’amore è verità.
L’amore… non dovrebbe essere così maledettamente difficile da capire.

Temi trattati - Spoiler Il mio North

Abusi infantili, omofobia, violenza, minacce, presenza di scene di sesso MM e MF, coming out, accettazione del proprio orientamento sessuale.

[riduci]

Un tempo, North ha distrutto tutto il mio mondo. Ho promesso a me stesso che non ci sarei mai più ricaduto. A quanto pare ho mentito.

La Hope Edizioni ha deciso di farci un regalo. A distanza di pochissimo tempo dalla pubblicazione di La strada verso casa, abbiamo la possibilità di leggere nuovamente una storia scritta da Carmen Jenner.
Quest’autrice, per me, sta diventando sinonimo di garanzia. Quando mi approccio ad un suo libro so di trovarmi di fronte ad una lettura piena di sofferenza, argomenti delicati e situazioni che porteranno allo scoperto le mie emozioni più violente. Già, avete letto bene. Il mio North non è una storia leggera o divertente. Il mio North vi farà incavolare e soffrire, spazientire e imprecare. Una parte di queste emozioni le scateneranno terze persone, ma North, uno dei due protagonisti maschili, vi farà impazzire. Perché?

Beh, tutto ha inizio dodici anni prima, quando due ragazzini – Will e North – da migliori amici diventano qualcosa di più. Will è confuso. Sa di avere un debole per i ragazzi, ma a soli diciotto anni, ha paura di confessare i sentimenti che prova per il proprio migliore amico. Una paura più che lecita, se consideriamo che North è parecchio conosciuto per le conquiste femminili, ma anche perché a Red Maine, la cittadina in cui vivono, essere gay è vietato. No, non dalla legge. Semplicemente se sei gay vieni picchiato e deriso dalla comunità e sei una vergogna per la tua famiglia. Quindi capite bene che Will ha più di un valido motivo per non confessare quello che prova davvero. Pensava di averlo nascosto bene, ma così non è stato, perché tra lui e North succede qualcosa… qualcosa che cambia entrambi per sempre.

Ero un cazzo di frocio in un mondo di uomini che lavoravano sodo: pescatori, metalmeccanici, manovali, e avevo perso tutto. Non perché fossi stato uno stronzo, o l’avessi trattato in modo diverso, ma perché lo amavo troppo. Adoravo il terreno su cui camminava. Ero innamorato del mio migliore amico, ed era una cosa amara e contorta. Mi aveva cambiato. Ci aveva cambiati.

Sono passati dodici anni. Ora Will e North sono due uomini adulti che non si parlano.
Le loro uniche conversazioni avvengono quando North, concluso il turno di lavoro, si reca al bar di Will – l’unico del paese – per ubriacarsi con i colleghi. Una sera, però, le cose vanno diversamente e la conversazione non riguarda più solo quanto altro alcol versare. E così, rimasti ormai soli nel locale, basterà solo che le loro labbra si sfiorino nuovamente per riaccendere quella fiamma pericolosa che già in passato aveva scottato entrambi. Ma North è etero e ama spassarsela con donne sempre diverse.

Eppure… eppure Will è sempre stato, e sarà sempre, il suo punto debole.
Basterà la promessa fatta a sé stesso per impedire a Will di innamorarsi nuovamente dell’uomo che, un tempo, era il suo migliore amico?

Ci sono davvero tantissime cose che potrei dirvi su questo libro, sui suoi protagonisti e sulle persone che abitano in questa cittadina. E indovinate? Parto proprio da quest’ultime.
Red Maine è abitata principalmente da ignoranti, cafoni e odiosi cretini. Non ho altro modo per definirli, perché è quello che sono queste persone. Ci sono ovviamente le eccezioni, ma qui si sta parlando di omofobi. Di persone che minacciano e picchiano un ragazzo solo perché ama una persona del suo stesso sesso. So che il mondo è pieno di persone del genere, ma io non riesco proprio a comprendere come si possa voler impedire a qualcuno di amare. E questo è il motivo per cui ho davvero faticato in alcuni punti del libro. Avevo necessità di respirare, di calmarmi. Il mio unico desiderio era entrare nel libro e prendere a cazzotti chiunque, cosa ovviamente non fattibile.

È buffo come i ragazzini vedano la verità in tutte le cose. Fin dalla nascita li imbottiamo di bugie sulle favole, su Babbo Natale, sulla fatina dei denti, su un dannato coniglio magico che per un solo giorno, ogni anno, lascia in giro per il mondo molte uova dai colori vivaci. Diciamo loro che l’amore è incondizionato, che è tutto ciò che conta… a meno che non ti capiti di amare qualcuno del tuo stesso sesso. E allora quell’amore è sbagliato, sporco e vergognoso. Le persone sono così spaventate dalla diversità. Abbiamo paura di ciò che non conosciamo.

Carmen Jenner è stata magistrale nel descrivere queste situazioni, mi ha obbligata a provare emozioni contrastanti e, proprio per questo motivo, mi ha permesso di percepire appieno la storia raccontata ne Il mio North.
Attraverso l’alternanza di capitoli tra passato e presente, l’autrice ci racconta due storie differenti: quella di Will e North da ragazzi, alle prese con la scoperta della sessualità con lo stesso sesso. E poi l’altra, quella di un uomo che si nasconde e che cerca di dimenticare l’amore della propria vita perché, quest’uomo, è troppo spaventato per ammettere di amarne un altro.

Le due narrazioni proseguiranno su due rette parallele fin quasi alla fine del libro, quando si intrecceranno, rivelandoci segreti e sentimenti che i due protagonisti hanno custodito segretamente per dodici anni.
Will, dei due protagonisti, è quello capace di conquistare il cuore del lettore. Non ha paura, lui ama sé stesso, si accetta e non ha intenzione di cambiare o scappare a causa dell’omofobia. Non si definisce nemmeno il solito gay. Odia i fronzoli, depilarsi, la moda e l’ordine. Lui è come ogni altro abitante di Red Maine, solo che gli piace la compagnia maschile e non è omofobo.

North, invece, è una spina nel fianco. Dall’inizio alla fine del libro – o quasi – quest’uomo, ha reso la vita impossibile a Will e a me, la lettura. L’avrei volentieri preso a schiaffi, insieme al resto degli abitanti, ma questo non toglie che sia un personaggio complicato che agisce in un certo modo a causa di quello che ha subìto da bambino. Ci vuole davvero molta pazienza con lui, bisogna cercare di vedere il lato buono, quello che nasconde sotto strati di strafottenza, donne e decisioni pessime. Perché vi assicuro che lo ha, è solo da cercare.

Voglio essere sempre dove siamo ora, la mia mano nella sua, in caduta libera. Non nell’acqua, ma l’uno nell’altro.

Il mio North è quel tipo di lettura da non farsi scappare, con dei protagonisti decisamente lontani dalla perfezione, ma capaci di farti emozionare. Questo può essere un libro sofferto, ma che vale davvero la pena leggere. Non aspettatevi grandi gesti o dichiarazioni d’amore; né Will né North sono fatti per questo. Loro sono schietti e sinceri, credono nelle dimostrazioni più che nelle parole, e amano tenere privata la loro intimità. Hanno concesso a noi, lettori, di assistere al loro riavvicinamento, al loro amore, ma è tutto qui. Loro sono stati, sono e saranno sempre Will e North, due pezzi che si incastrano perfettamente l’uno con l’altro, ma che per trovarsi davvero hanno dovuto attraversare l’Inferno.

Copia ARC inviata gratuitamente dalla Casa Editrice in cambio di una recensione onesta e sincera.

Altre pubblicazioni dell’autrice

Serie: The Southbound
#1 Verso il frastuono del caos – acquista QUI
#2 La strada verso casa – leggi la recensione & acquista QUI

Harley & Rose – leggi la recensione & acquista QUI 

Il mio North – acquista QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *