Harley & Rose

Harley & Rose di Carmen Jenner – Review Tour

Harley & Rose

Titolo: Harley & Rose
Autore: Carmen Jenner
Genere: Contemporary Romance, Autoconclusivo, NO HEA
Narrazione
: Prima persona, pov femminile (Rose)
Data di pubblicazione: 22 Luglio 2019
Editore: Hope Edizioni
Trama: Fin da quando era una ragazzina, Rose sognava il giorno in cui Harley l’avrebbe portata in braccio oltre la soglia, in luna di miele. Ma cosa succederebbe se quello non fosse il giorno del suo matrimonio, e lei si trovasse lì solo perché Harley è stato lasciato all’altare appena qualche ora prima?

Barattata San Francisco per una vacanza in paradiso, dopo aver scambiato il bouquet da damigella per le Hawaii, Rose spera di poter uscire finalmente dalla friendzone.

Perché una volta Rose e Harley erano stati molto più che amici, ma la vita aveva preso un’altra piega. Da allora, Rose ha trascorso ogni giorno nella speranza che Harley se lo ricordasse.

Lei è sempre stata la sua migliore amica.
Lui è sempre stato suo.
Lei è innamorata di lui.
Lui… non è innamorato di lei.
Lui… sta sposando qualcun’altra.
Lui… sta nascondendo qualcosa.
Lui…be’… è complicato.

Suddenly

No Hea. Avete un’idea di cosa significhino queste due parole?
Letteralmente “nessun lieto-fine”.
Questi libri, spesso, sono pugnalare al cuore, calci nello stomaco inaspettati perché tu, come una scema, mentre leggi ancora speri in qualcosa. E poi vieni riportato brutalmente alla realtà, all’improvviso.
Quello che ti rimane da fare è solo respirare e cercare di fermare quelle lacrime che ti percorrono il viso.
Di lacrime, leggendo Harley & Rose, ne ho versate parecchie, anche dopo aver girato l’ultima pagina.
Ma ne è valsa la pena, soffrire così tanto, per leggere questo libro?
Cavolo, sì.

“Il ragazzo che aveva rubato il mio cuore come il vero Peter Pan aveva rubato quello di Wendy.”

Tutto ha inizio con un matrimonio.
Rose, da sempre innamorata del suo migliore amico Harley, si ritrova in una camera d’albergo a stringere tra le braccia Harley. Felice.
Non dovrebbe sentirsi così, giusto? Harley è stato lasciato all’altare da quella che sarebbe dovuta diventare sua moglie, eppure Rose è al settimo cielo perché lui, finalmente, è di nuovo suo.
Perché tutto può tornare com’era prima, prima di Alicia.

Penserete che sia egoista da parte della donna essere al settimo cielo per questa situazione – e vi do anche ragione – ma capite bene che lei è innamorata di Harley da quando aveva cinque anni, praticamente da tutta la vita. E tra loro il rapporto non è mai stato semplice.

Sono stati amici. Sono stati fidanzati, amanti e si sono anche odiati. Poi di nuovo amici e ora…?
Tutto il rapporto tra Harley e Rose è complicato, con anni di sentimenti nascosti tra loro, a volte non ricambiati ed altre si, ricordi indelebili e un sogno, quello di Rose, che non riesce a lasciar andare.
Da quando ha capito cos’è l’amore, infatti, tutto ciò che desidera è: vivere il giorno più bello della sua vita sposando il suo migliore amico.

“Un giorno, sarà io a guardare il modo in cui i suoi occhi si increspano agli angoli e si riempiono di lacrime, mentre cammino verso di lui. Un giorno, lui indosserà il mio anello e io indosserò il suo. Un giorno sposerò il mio migliore amico. Ho soltanto bisogno di un po’ di tempo per convincerlo.”

Un sogno che ogni giorno le spezza il cuore, perché lo vede sempre più lontano, ma non riesce a metterlo da parte. E scegliendo di sposare un’altra lo ha rifatto.
O meglio, stava per farlo, visto che poi non è successo.

Harley ha bisogno di distrarsi, di scappare dalla raffica di domande che lo attendono, così Rose lo convince a partire per la luna di miele, godersi il viaggio e la settimana di riposo. Lui accetta, ma ad una sola condizione: lei dovrà andare con lui.
Così, qualche ora dopo, sono imbarcati su un aereo, direzione Hawaii, pronti a viversi una settimana da sogno e chissà, magari questa sarà l’occasione per la ragazza di uscire dalla friendzone. O forse no? In fondo, Harley è appena stato lasciato davanti all’altare. Potrebbe davvero dimenticare la sua ex in così poco tempo, e tornare ad amare Rose?

“Lo desidero da tanto, ma tutte queste carezze non significano niente perché, anche se le sue braccia stanno stringendo me in questo momento, lui non mi appartiene.”

Succederanno tantissime cose dal momento in cui Harley e Rose saliranno sull’aereo.
Alcune saranno belle, riusciranno a farli sentire di nuovo come quando erano ragazzini, mentre altre, saranno complicate e dolorose, capaci di spezzare ancora una volta il cuore della donna.
Avremo la possibilità, grazie ai flashback, di leggere del loro passato, di com’è cambiato il rapporto tra loro nel corso degli anni, di come si sono feriti a vicenda ma anche resi felici.

Da appena adolescenti si sono fatti una promessa: sarebbero rimasti insieme per sempre, non sarebbero mai cresciuti e niente avrebbe potuto dividerli.
Esattamente come Peter Pan e Wendy.
Due bambini scappati dal mondo e dalle sue brutture: l’uno il posto sicuro dell’altro.
Ma come si sa, la vita non è mai facile, e le promesse che due innocenti ragazzi si sono fatti potrebbero venire infrante molto presto.

“So che è patetico. Io sono patetica, ma non ho mai perso la speranza, ed è sbagliato. Devo lasciarlo andare, perché lui l’ha già fatto con me e sono stata una stupida a non vederlo. Devo mettere da parte i miei sogni di infanzia e rinunciare all’idea che possa ricambiare ciò che provo per lui.”

Dopo aver letto Verso il frastuono del caos avevo capito che Carmen Jenner sarebbe diventata una delle autrici capaci di conquistarmi con le sue storie, ma non immaginavo minimamente che fosse capace di prendere il mio cuore e farlo a pezzi in questo modo.
Ho riso grazie alle battute di Rose, ho sognato con lei il suo lieto fine, ci ho sperato fino all’ultimo e come lei, anche a me è stato strappato via tutto in un istante.

Durante la lettura ho più volte avuto voglia di urlare a Rose che meritava di andare avanti, che non poteva rimanere bloccata ad aspettare che un sogno diventasse realtà, perché la vita va vissuta intensamente, non come spettatore. Ed invece lei, per anni, ha vissuto come spettatrice aspettando un ragazzo – e poi un uomo – che è sempre stato suo, ma non nel modo in cui voleva lei.

La relazione tra Harley e Rose è come una partita a ping pong: un continuo rimbalzare avanti e indietro.
Lei fa un passo avanti nella sua vita, lui torna e lei ne fa venti indietro.
È come se fosse una drogata, e Harley la sua droga. Non riesce ad uscirne, ma forse nemmeno desidera farlo davvero.

“Credevo che, anche se lo avevo lasciato andare, un giorno sarebbe tornato da me. Tuttavia, mi sbagliavo. Questa è colpa mia quanto sua, perché nemmeno io ho lottato per salvare la nostra storia.”

­­­­Fare il tifo per questa coppia sarà naturale, perché sapranno conquistarvi e vi innamorerete dei loro sguardi, della loro complicità, ma farà anche dannatamente male. Più che avvisarvi di questo non posso fare. Solo dirvi che, in ogni caso, NE È VALSA LA PENA. Il viaggio, le emozioni provate, persino le lacrime… ne sono valse la pena.

Harley e Rose è un libro che parla di un amore sussurrato, mai afferrato davvero, mai vissuto intensamente, ma che traspare nelle parole dei protagonisti, nei loro gesti e pensieri. Un amore represso, un desiderio struggente e l’impossibilità di lasciar andare. Quello che fa più soffrire è proprio l’incapacità di afferrare la felicità, di colmare le distanze e in questo libro troverete tutto questo.
Come nella favola di Peter Pan, le vite di Harley (Peter) e Rose (Wendy) sono destinate a intrecciarsi, sfiorarsi, ma non ad appartenersi mai davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *