Tu sei l'amore che vorrei

Tu sei l’amore che vorrei di Rebecca Smith

Titolo: Tu sei l’amore che vorrei

Serie: #1 volume della dilogia

Autore: Rebecca Smith

Genere: Young adult/Slow burn

Narrazione:  Prima persona, pov protagonista femminile

Data di pubblicazione:  20 settembre 2019

Editore: Self-publishing

Trama:

Diego è un principe azzurro. È il ragazzo più popolare dell’intero liceo ed è fidanzato con Federica. Una vita perfetta, la sua, incrinata dall’arrivo di Selena, la nuova studentessa. La intravede nei corridoi e, senza fare nulla di speciale, la ragazza riesce a catturare la sua attenzione. Diego non sa perché si senta così attratto, ma il giorno in cui si scontrano per caso lungo le scale, e una scossa lo percorre da capo a piedi, capisce cosa sia l’amore a prima vista. Selena non riesce nemmeno a dirgli il proprio nome, imbambolata a fissarlo come una ragazzina. Selena che è una bambola di pezza strappata, uno di quei vecchi carillon dalla musica nostalgica, con un meccanismo difettoso.

Si trova a frequentare il corso extra scolastico di recitazione ed è proprio lì che la sua strada incrocia quella di Diego. Il ragazzo sembra cercare un contatto, anche Terry, la sua amica, né è convinta, ma lei stenta a crederci. Durante un esercizio, per colpa di Diego, si fa male. A causa di questo piccolo incidente, salta le lezioni per un giorno e, quando rientra, gli equilibri cambiano. Diego la vede giungere, le arriva alle spalle, le ruba la sacca da ginnastica. Lei si spaventa e scappa, rinchiudendosi negli spogliatoi femminili. Lui la segue la trova terrorizzata e tremante, preda di un attacco di panico. In quel momento i pezzi del puzzle che formano la vita della ragazza della luna iniziano a svelarsi. Selena nasconde un segreto e mille paure, Diego riuscirà a vincerne le remore e il cuore?

Un romanzo semplice e romantico.

La storia si svolge in Italia, tra i banchi di una scuola di Cinisello, in provincia di Milano. I protagonisti sono due giovani ragazzi, Selena e Diego.

Lei ha quasi sedici anni e si ritrova costretta a cambiare scuola, a causa di un episodio che l’ha segnata nel profondo e non le consente di farsi avvicinare da nessuno.

Ha paura di uscire da sola e spesso soffre di attacchi di panico.

Anche il semplice tocco da parte di un’altra persona può farla precipitare nel buco nero dell’ansia.

Diego, ha diciotto anni e frequenta l’ultimo anno. La sua fidanzata si chiama Federica, ed è considerato il ragazzo più bello e desiderabile dell’istituto.

Il primo incontro tra i due, in realtà, è proprio il classico scontro. Lui la urta e lei cade. Il gesto che Diego compie per aiutarla a rialzarsi sarà galeotto. Un tocco e la magia ha inizio.

«Svoltato l’angolo, mentre cerco di scendere un gradino, vengo travolta e, a causa della fitta di dolore al sedere, mi accorgo di essere finita per terra. Vorrei arrabbiarmi con chiunque mi abbia scaraventata al suolo, ma il cuore si accartoccia come se avesse preso fuoco, incenerendosi, non appena mi perdo nel più magnifico ed espressivo paio di iridi verdi che abbia mai visto. “Scusa, ti sei fatta male?” Mi afferra la mano, sollevandomi da terra, mentre io sono così incastrata in un momento di afasia da non ricordare come si faccia a parlare. “Ero di fretta, forse però non dovrei correre per le scale. Comunque, piacere, io sono Diego”.»

Selena, non riesce a spiegarsi perché il contatto con la mano di quel ragazzo non l’abbia infastidita ma al contrario, ne sia rimasta attratta come il metallo da una calamita.

In verità, non vuole pensarci, perché il suo recente passato non le permette di vivere liberamente le proprie emozioni e tanto meno di aprirsi agli altri.

L’unica persona con la quale si trova in sintonia è Terry (o Maria Teresa), la sua compagna di banco. Con lei si sente al sicuro perché è una ragazza sensibile che non le fa domande invadenti.

Proprio Terry, facilita la frequentazione tra Diego e Selena, trascinando quest’ultima ad un corso di recitazione organizzato dalla loro scuola, al quale sa per certo si sia già iscritto anche lui.

Al corso i due si trovano a confrontarsi per un’esercitazione. Diego dimostra di essere molto bravo con le parole ed ogni frase sembra poter essere dedicata a Selena. Ma lei è consapevole che il bravo oratore è fidanzato, non crede che possa interessarsi veramente a lei che, del resto, non si sente pronta ad affrontare le proprie emozioni.

Ma le parole, a volte, hanno il potere di colpire al cuore ed, in questo caso, anche quello di creare le basi di un romantico legame.

Per Diego, la “ragazza senza nome” diventa pian piano la “ragazza della luna”, anzi la “sua ragazza della luna”.

«“Ragazza senza nome, tocca te.” Diego sussurra al mio orecchio e devo trattenermi per non rabbrividire. Non è un brivido di freddo o di repulsione, la brezza portata dalla sua voce alla mia anima mi ridesta, risvegliando anche il cuore un po’ atrofizzato.»…

Le parole recitate nascondono un sentimento sincero.

«…in fondo, non ho mai smesso di cercare la ragazza della luna perché come mi aveva detto lei, non basta non vedere la luna in cielo perché lei non ci sia. Infatti, lei c’è sempre nel mio cuore, un po’ come le persone che non ci sono più.»

L’amore riuscirà a lenire le ferite di un episodio doloroso del passato?

Diego e Selena supereranno ogni ostacolo?

Il romanzo contiene alcune risposte. Non tutte, però, perché solo il secondo volume della dilogia ci permetterà di scoprire cosa riserva il futuro per questa coppia di giovani innamorati.

Rebecca Smith, in “Tu sei l’amore che vorrei”, ci parla dell’amore, quello adolescenziale, che essendo vissuto da persone così giovani è inevitabilmente ingenuo ed a volte eccessivamente romantico.

Anche se stiamo parlando di un romance Young Adult, mi sarei aspettata uno sviluppo della storia più avvincente e, avrei preferito, che alcuni concetti non venissero ripetuti più volte, facendo scemare l’interesse del lettore.

Ho apprezzato la purezza dei sentimenti, meno la linearità della storia d’amore tra i protagonisti. Non ci sono scossoni e brividi. Spero arrivino con il secondo volume nel quale, ritroveremo Selena e Diego in una fase più adulta della loro vita.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *