Toyboy

Toyboy di Laura Gay

Toyboy di Laura Gay

ToyboyTitolo: Toyboy
Autore: Laura Gay
Genere: Contemporary romance (Autoconclusivo)
Narrazione: Terza persona
Tipo di Finale: Concluso
Editing: Buono
Data di pubblicazione: 3 febbraio 2020
Editore: Newton Compton Editori
Trama:
È l’uomo dei tuoi sogni.
Ma potrebbe spezzarti il cuore.
Sarah Armitage ha vent’anni ed è una ragazza fortunata: ha una famiglia meravigliosa, tra le più ricche dell’Inghilterra, e sembra avere un futuro radioso davanti a sé. Ma non tutto è come sembra. L’impero che suo padre ha costruito sta per sgretolarsi e una donna tornata dal passato ha tutte le intenzioni di rovinare lei e le persone che ama. Jake Hardy è il più ambito gigolò di Londra.

È un ragazzo scaltro e affascinante, con incredibili occhi verdi e un fisico che non può non catturare l’attenzione. Con quell’aria dissoluta e strafottente, è l’esatto opposto di Sarah. Ma il destino ha deciso di unire le loro vite e Jake viene ingaggiato da una persona ricca e potente, affinché faccia innamorare di sé la ragazza e le spezzi il cuore. Niente lo prepara tuttavia a quello che accadrà. Perché quella dolce ragazza dai lunghi capelli biondi gli entrerà sottopelle, e lasciarla andare diventerà la cosa più difficile che abbia mai fatto nella vita.

Temi Affrontati - Spoiler

Tradimenti – Inganni – vendetta

[riduci]

Copia ARC inviata gratuitamente dalla Newton Compton Editori in cambio di una recensione onesta e sincera

Dopo Mille notti di te e di me, torna Laura Gay, grazie alla Newton Compton Editori, con un nuovo capitolo dedicato ad un altro membro della famiglia Armitage.
Pronte a tornare nella grigia e fumosa Inghilterra per conoscere cosa si celi dietro al titolo Toyboy?
Eccovi accontentate!
Protagonista indiscussa di questo romanzo è lei, la più temibile, incontrastata e cattiva tra le punizioni: la vendetta.
Ed è proprio questa che troveremo tra le pagine di Toyboy.
Vendetta per un amore mai nato o per un amore tradito.
A voi l’ardua sentenza.

Ricordate Patricia?

Patricia Campbell è una donna affascinante e spregiudicata. Il suo sentimento e la sete di potere l’hanno portata ad amare un uomo che non ricambiava come lei avrebbe voluto.

Cos’è disposta a fare una donna per amore?

Beh, una donna normale non saprei ma so per certo che Patricia era disposta a tutto pur di allontanare Ava dall’uomo che amava.
Perfino ad uccidere!
Per questo ha pagato a caro prezzo le sue intenzioni ed ora, fuori di prigione e sposata con un uomo influente nella politica londinese, il suo desiderio di vendetta si è acuito.
Quale affronto migliore per il suo acerrimo nemico se non colpire la sua unica figlia e farle pagare le sue stesse pene?
Il piano è dunque questo: assumere il gigolò più richiesto sul mercato, farla innamorare di lui e, ridurla a pezzi con il cuore spezzato una volta abbandonata.

Geniale vero?

Ed è a questo punto che entrano in gioco i nostri due protagonisti.
Sarah Armitage è una bella, timida ed ingenua ventenne.
Lei è appunto la figlia di Brian Armitage. Un padre iperprotettivo e proprietario di una catena dei più lussuosi hotel e resort di Londra.

Avrebbe voluto avere sempre tutto sotto controllo, ma Sarah stava crescendo e non poteva più tenerla in una campana di vetro, al riparo da tutto. Dannazione, era talmente frustrante!

Sarah, nella vita ha sempre avuto tutto ciò che ha desiderato, l’unica cosa che non ha mai assaporato è quel sentimento vero e profondo chiamato Amore.
A vent’anni è ancora vergine ma è fortemente intenzionata a risolvere il suo “problema” al più presto.
Ad avvalorare la causa compare improvvisamente un ragazzo che le provoca un insolito turbamento.

Si avviò verso la hall dell’albergo, una delle tante proprietà di suo padre, concentrata sulle parole del romanzo che aveva preso a leggere.

Proprio in quel momento qualcuno la urtò, l’ereader le cadde di mano e lei si lasciò sfuggire un’imprecazione poco signorile. Si inginocchiò per raccoglierlo e solo in quel momento i suoi occhi incontrarono quelli del tizio che l’aveva urtata, e che ora stava cercando di aiutarla. Due occhi penetranti, verdi come il mare in tempesta.

Un ragazzo capace di corteggiarla e lusingarla come il migliore angelo tentatore.
Jake Hardy, un angelo, proprio non è, in realtà, è il desiderio represso di ogni donna, bello, affascinate e sexy da morire.
Queste, pagherebbero oro per poterlo avere, anche solo una notte, nel proprio letto.
Eh già avete capito bene Jake è proprio lui, il Toyboy, quel gigolò che Patricia ha assunto per spezzare il cuore di Sarah.
Ma, se Jake si presenta come un uomo cinico e spietato, una volta raggiunto il suo scopo, quello che la ragazza ha lasciato dentro di lui, è più forte di ogni sensazione provata fino ad ora.
Il suo passato non è mai stato semplice, emergere dai bassifondi è il suo obiettivo ed prezzo è vendere il proprio corpo.

Come può nascere qualcosa di bello da qualcosa di malato e tossico?
Si può rescindere dal contratto, una volta stipulato un patto con il diavolo?

Per scoprirlo, l’unica cosa che dovrete fare sarà leggere Toyboy.
Con il suo stile scorrevole e coinvolgente, ancora una volta Laura Gay ci ha presentato dei protagonisti agli antipodi ma destinati ad incontrarsi per non separarsi mai più.
La vittima che diventa carnefice.
Toyboy è un romanzo di crescita, di morte, di rivalsa e di rinascita, il tutto dilazionato in nel corso di cinque anni delle loro esistenze.

«Mi trovo a Londra per affari, non sono più il ragazzo che vendeva il proprio corpo per soldi. Ora di soldi ne ho quanti ne voglio». Sarah rabbrividì di nuovo, ma non per il freddo. Incurvò leggermente le spalle.

«A quanto pare, oltre ai soldi hai guadagnato un bel po’di arroganza». Lui rise piano. «Anche tu non scherzi. Ti ho osservata da lontano, camminavi impettita e austera. Irraggiungibile come una dea». «Eppure mi hai raggiunta senza problemi». Jake rise di nuovo. Una risata bassa e roca che le provocò intensi brividi alla schiena.

Come dicevamo la vendetta cambia il soggetto ma non è detto che praticata da un soggetto meno cattivo risulti meno dolorosa o umiliante.

Chi avrà la meglio?
L’odio o l’amore?

«Cos’è che vuoi di preciso?» «Te l’ho detto. Voglio te. Ti voglio alla mia mercé, possederti completamente e in ogni modo…e sì, usarti anche».

Prima di concludere però vorrei soffermarmi su un lato negativo del romanzo: la narrazione.
Che io preferisca la prima alla terza è cosa risaputa ma se una terza persona, ben delineata e opportunamente separata ha il suo bel perché.
In Toyboy spesso ho avuto serie difficoltà nel comprendere chi fossero i soggetti che compievano l’azione.
Avrei preferito una separazione più precisa capace di meglio delineare gli avvenimenti che, in diverse situazioni, mi hanno reso difficoltosa la lettura e la sua interpretazione.
Cara Laura per la stima che nutro nei tuoi confronti e le capacità che sono sicura tu abbia, ti consiglio, se posso, di aggiungere qualche capitolo in più durante la narrazione.

Consiglio la lettura di Toyboy?

– Amate le storie ricche di passione, intrighi e sentimenti.
– Cercate un romanzo che parli di vendetta sì, ma anche di rinascita e del potere del reinventarsi.
– Avete amato Mille notti di te e di me e siete curiose di ritrovare i suoi protagonisti in una veste più matura ma non meno passionale.
Buona lettura.
Un Beso
Karmen


Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca qui sotto sui nostri link!
Tu non spendi un centesimo in più, ma aiuti noi a crescere e ci dai la possibilità di mettere in palio i cartacei nei giveaway nel rispetto della legge! Grazie!

Un commento

  • Laura Gay

    Grazie per la recensione, Karmen. Mi scuso perché nel file che è stato inviato ai blog erano mancanti dei salti riga, che separavano una scena dall’altra. Per questo in certi punti era difficile riuscire a capire chi fosse il POV. Non è dipeso da me, ma da un errore nella conversione del file in via di pubblicazione. Appena l’ho saputo ho fatto correggere, ma purtroppo la versione inviata ai blog in anteprima era “fallata”. Spero che in futuro non ricapiti. Grazie ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *