Taurus di Marilena Barbagallo

TaurusTitolo: Taurus

Serie:  #1 Black Dynasty  (non autoconclusivo, collegato al #2 in prossima uscita. I volumi successivi, invece, saranno tutti autoconclusivi)

Autore: Marilena Barbagallo

Genere:  Contemporary romance

Tipo di finale: Aperto

Narrazione: prima persona, POV alternati dei protagonisti (Taurus & Venus)

Data di pubblicazione: 8 gennaio 2020

Editore: Self Publishing

TRAMA

Venus Morel aveva solo quattordici anni quando mi stravolse la vita.

All’epoca, ero già considerato l’uomo più influente del mondo. A trent’anni, ero il magnate di una delle dinastie più ricche di sempre. Lei era proibita, averla sarebbe stato scandaloso, ma la volevo da impazzire.

Andavo a prenderla a scuola e mi accontentavo di guardarla, di sentirla parlare ininterrottamente, privando le mie mani della sua pelle, soffocando la voglia di prendermela e detestando il nostro divario anagrafico.

Pura, bellissima, uno spettacolo per un uomo come me abituato agli eccessi, al sesso sporco e alla dissolutezza.

Lei era tutto ciò che non avevo mai avuto, ma tra noi non poteva funzionare.

Ho dovuto farlo: le ho spezzato il cuore. Ero certo che acquistarla mi sarebbe tornato utile, ma non potevo immaginare alle conseguenze di quell’accordo.

Oggi, che sono trascorsi otto anni dall’ultima volta che siamo stati insieme, dovrò comunicarle che adesso appartiene alla mia dinastia. Mi chiamo Taurus Leclerc, il mondo è mio, posso avere tutto, ma non lei.

Una famiglia che custodisce oscuri segreti, dodici Segni zodiacali, un impero, una Dinastia. Benvenuti nel Castello Leclerc.

Chi conosce i libri di Marilena Barbagallo è ben consapevole che questi, attraverso il suo #marystile, sono sempre forieri di emozioni forti e di immancabili sfumature dark.

Con Taurus, il primo volume della serie Black Dynasty, a mio avviso, invece, questa autrice, fa molto di più. Osando con abilità, coinvolge il lettore in una storia pazzesca, che non ha le sue solite connotazioni dark, ma che addirittura potrebbe definirsi total black, perché proprio il nero è il colore predominante di Taurus.

Questa serie ci proietta in una favola moderna, dove il principe non è azzurro, anzi, in realtà, non è neanche un vero principe.

Il protagonista maschile è a capo di una potente e ricchissima dinastia, abita, con i suoi undici fratelli, in un enorme castello, delimitato da una vastissima contea, in territorio francese, appartenente alla sua famiglia da generazioni.

Il suo nome è Taurus Leclerc.

Taurus non è solo il suo nome e quello del segno zodiacale a cui si appartiene, ma è anche il simbolo di tutto ciò che lo caratterizza. Il nero è il suo colore distintivo.

Infatti, nero è il colore appartenente ai tori, ma è anche il colore che predomina in lui e nella sua famiglia.

Nera è la dinastia Leclerc ed oscuri e sordidi i suoi segreti, ma soprattutto, nero è il colore della sua anima.

Taurus, è un uomo potente, ricchissimo, bellissimo, affascinante e completamente dedito agli interessi della famiglia. Siede al tavolo dello Zodiaco, insieme ad altri dodici uomini più influenti al mondo. Ha 38 anni ed è lo scapolo più ambito e desiderato. Le donne cadono ai suoi piedi, ma, per lui, quest’ultime, sono solo un tramite per dare sfogo ai propri desideri.

In tutta la sua vita, non ha mai avuto modo di poter collegare il sesso ai sentimenti.

Sin da giovanissimo, è stato istruito a dovere, dal padre e dal nonno, a considerare i rapporti con il prossimo, solo come manifestazione del potere, del dominio e della capacità di avere il pieno controllo sulla vita degli altri.

«Il giorno dopo, mio padre, Romaric Aquarius Leclerc, mi portò nelle segrete del castello, gineprai murari bui che conducevano alle vecchie prigioni. Fu lì, sotto il focolare di una fiammella, che scoprii l’essenza sinistra della mia dinastia.»

Solo una persona, otto anni prima, era stata in grado di farlo sentire capace di provare emozioni, di regalargli momenti di serenità e di pace.

Lei a quel tempo era solo una ragazzina, di sedici anni più piccola di lui, e già solo per questo, intoccabile.

Ma, altri insuperabili ostacoli l’hanno resa ai suoi occhi una chimera irraggiungibile: lui stesso, senza prima averla vista, l’ha “comprata” come moglie per suo fratello Scorpio e, soprattutto, lui, non si sarebbe mai potuto sentire degno di lei.

«Ma lascio che stia su di me, così piccola e dolce, a ricordarmi tutto quello che io non ho avuto, quello che non ho vissuto, quello che ho saltato.

Gli anni persi, sottratti perché predestinato a qualcosa sempre più grande dell’età che avevo.»

Venus Morel, – questo è il suo nome –  oggi è una giovane donna di 22 anni, da sempre abituata a vivere negli agi, adesso si ritrova nella più assoluta povertà insieme alla sua famiglia, a causa del padre, che da famoso avvocato di Parigi si è trasformato in un indebitato fuggitivo.

Venus, anni prima, era rimasta altrettanto folgorata da Taurus.

«Era un uomo “effetto caos”: ammaliante e magnetico. Lo guardavi, ne rimanevi sopraffatta e ti innamoravi. Punto.»

 

«Una bellezza fuori dal comune. Una figura carismatica, autoritaria e seducente. »

 

«Tutti volevano Taurus Leclerc.»

Proprio, quell’uomo più grande di lei era stato in grado di farle battere forte il cuore per la prima volta.

Lui aveva da subito rappresentato quello che più desiderava, ma sempre lui non aveva esitato ad abbandonarla, proprio sul nascere del loro rapporto, umiliandola e facendola sentire inadeguata e soprattutto non ricambiata.

Dopo otto anni, Venus non è riuscita ancora a dimenticarlo e quando quel destino, per lei già scritto, viene a bussare alla sua porta, non può fare altro che constatare che l’uomo di cui è innamorata è sempre stato lì, pronto a torturarle l’anima.

«A questo punto della mia vita, non credo più di aver venduto l’anima al Diavolo. Oggi, la mia anima, gliel’ho regalata. Così come fu il primo giorno in cui i miei occhi si poggiarono nei suoi.»

Lei vorrebbe solo amarlo, lui cerca di tenerla a distanza.

Taurus lotta contro se stesso ed i suoi istinti ma, allo stesso tempo, si ritrova a compiere azioni contraddittorie che dimostrano solo una cosa: Venus, per lui, è davvero importante.

Lei rappresenta la possibilità di riuscire a scovare un pizzico di bianco anche nel nero del suo cuore; la traccia di purezza che potrebbe emergere da quel mare di fango dove i Leclerc, da cui discende, lo hanno sommerso.

Venus è la luce che potrebbe rischiarare l’oscurità della sua vita. Lei è la speranza. Quella speranza di essere, effettivamente, in grado di provare emozioni pure e profonde.

«Non dice donna, perché lei non vuole essere diversa Lei impone se stessa, che mi piaccia o meno Lei non si comporta come le altre donne che hanno sempre cercato di sedurmi a tutti i costi, annullandosi, modificando il loro essere e risultando artefatte, incapaci di scuotermi qualcosa Lei mi travolge, essendo semplicemente se stessa.»

In una perfetta alternanza tra il passato ed il presente dei protagonisti, Marilena Barbagallo riesce ad incatenare il lettore a questi straordinari protagonisti. E questo, non solo, attraverso una dettagliata caratterizzazione, ma anche fornendo una vera e propria analisi del loro “io”.

La positività del personaggio di Venus è trainante ed abbagliante. Lei, piccola anagraficamente,  dimostra una notevole maturità, un’incredibile determinazione ed una straordinaria coerenza.

Taurus, potrebbe essere disprezzabile e giudicabile, ma la conoscenza del suo passato, del suo tormento interiore, della difficoltà che deve gestire pur di proteggere Venus e i suoi fratelli, rendono questo impossibile, e diventa inevitabile innamorarsene e fare il tifo per lui.

Tra le braccia di Venus, il Taurus forte e potente, può anche assumere le sembianze di un tenero vitellino, bisognoso di ricevere amore, senza, per questo, sentirsi sminuito. Anzi, le sensazioni positive che prova in quei momenti, lo rendono sempre più consapevole di se.

Tra Venus e Taurus c’è un grande amore, ma anche mille ostacoli.

Il bene della dinastia Leclerc si oppone alle necessità del cuore. Cosa prevarrà?

Per scoprirlo basta entrare nel castello Leclerc ed aspettare l’evolversi degli eventi.

Taurus si legge tutto d’un fiato anche se in alcuni momenti si sente la necessità di fermarsi a respirare. Questo perché le pagine contengono argomenti difficili, che pur descritti con estrema bravura, possono essere poco adatti ad un lettore sensibile. La condivisione di momenti intimi, anche se non in modo diretto,  con consanguinei, sicuramente può rappresentare un tabù. Quindi, mi sento di dover avvertire sulla presenza anche di tali scene.

Detto ciò, però, voglio sottolineare che con questo romanzo, assolutamente meritevole di essere letto, Marilena Barbagallo si conferma una delle mie autrici preferite. Il suo modo di scrivere è sempre coinvolgente e sorprendente. In Taurus i dialoghi sono eccezionali, il mistero che si cela dentro le mura del castello Leclerc estremamente accattivante e, come già detto, i protagonisti incredibilmente amabili.

I personaggi secondari, gli undici fratelli di Taurus, sono appena accennati, ma sicuramente avremo modo di conoscere ognuno di loro e le caratteristiche del segno zodiacale, che li rappresenta e li identifica, nei prossimi volumi della serie Black Dynasty.

Se pensate di essere in grado di superare la presenza di alcune scene, pur di farvi ammaliare dal fascino della dinastia Leclerc, se avete voglia di una storia forte ma che rappresenta un vero elogio alla possibilità di riscattare i propri errori e alla potenza del vero amore, quello ad ognuno predestinato; allora, non potete fare altro che leggere Taurus e poi restare, come me, in trepidante attesa dell’uscita del secondo volume, che conclude le vicende tra Taurus e Venus, e poi, tutti gli altri a seguire, per conoscere meglio gli altri personaggi e scoprire, pian piano, ogni mistero Leclerc, targato Marilena Barbagallo.

Prezzo: EUR 11,78
Da: EUR 14,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *