Single

Single di RJ Scott

Single

Titolo: Single
Serie: Papà single #1, Autoconclusivo
Autore: RJ Scott
Titolo originale: Single
Genere: Contemporary Romance, LGBTQ, Gay Romance
Narrazione: Prima persona, POV alternati (Ash & Sean)
Pagine: 246
Tipo di finale: Concluso
Data di pubblicazione: 20 Settembre 2019
Editore: Self Publishing
Trama: Ancora abbattuto per l’abbandono da parte dell’uomo che credeva di amare, cosa farà Ash quando si trova da solo con la figlioletta appena nata?
Determinato a costruirsi una famiglia e a concludere il percorso di gravidanza surrogata che aveva cominciato insieme al suo ex, quando Ash porta a casa la neonata Mia si ripromette di diventare il miglior papà del mondo. Niente può distoglierlo dal suo dovere autoimposto, nemmeno l’improvviso e vivo interesse che sembra nutrire verso il nuovo vicino. Tra la sfida di resistere all’attrazione sempre più forte che lo trascina verso Sean e vecchie e dolorose dispute familiari, Ash dovrà imparare che l’amore è l’unica cosa che davvero conta.
Quando il medico del pronto soccorso Sean si trasferisce insieme ai suoi amici nella villetta accanto a quella di Ash, giovane padre single e molto sexy, l’amore lo investe con una forza tale da lasciarlo senza fiato. Insieme i due uomini trascorrono momenti impregnati di sensualità, ma Ash è chiaro fin dall’inizio: nel suo cuore non c’è spazio per nessuno tranne la figlia. Allora perché Sean sembra essere l’unico che riesce a vedere quanto in realtà l’uomo sia spaventato, e come farà a dimostrargli che il suo unico desiderio è che loro tre diventino una famiglia?
Dolce. Se dovessi descrivere questo romanzo con un aggettivo sarebbe proprio dolce. Single di RJ Scott è il primo volume Contemporary Romance LGBTQ della serie Papà Single, pubblicato in self publishing. Il nostro protagonista si chiama Asher, o meglio Ash. Lui è un papà single gay che vive nella sua villetta di San Diego insieme a Mia, la sua bimba, il suo bene più prezioso. La ama più della sua vita, ma bisogna ammettere che crescere da solo una neonata, senza alcun aiuto e supporto, non è facile. Dormire è praticamente un lusso in questa situazione, aggiungiamoci poi che è costantemente preoccupato di non star facendo tutto il possibile per Mia… e il gioco è fatto.
Ero suo padre e lei mia figlia e non avevo mai amato nessuno quanto amavo Mia Francesca Haynes.
Quando nel cuore della notte sente dei rumori alla porta, Ash non esita un attimo a uscire sul portico e cantargliene quattro a quell’ubriacone. L’uomo sta facendo un gran baccano e rischia di svegliare la piccola che si è addormentata da poco. L’uomo alla porta spara parole a raffica e poco dopo Ash capisce il fraintendimento: l’uomo ha bussato alla porta sbagliata. I suoi nuovi vicini si presentano ad Ash in un modo decisamente non tradizionale, niente torte o dolci fatti in casa e presentazioni formali. Ma Ash è fin troppo esausto e non presta attenzione agli uomini, sbattendogli la porta in faccia dopo il breve incidente.
Qualche giorno dopo, il vicino di casa che era venuto in soccorso dell’amico, si presenta sulla porta di Ash per porgergli le scuse per l’accaduto. L’uomo si chiama Sean, è un medico del pronto soccorso e solo da qualche giorno si è trasferito nella villetta accanto a quella di Ash, insieme ai suoi migliori amici. Eric, un pompiere enorme e dal cuore d’oro (e l’uomo che ha sbagliato porta bussando a casa di Ash nel cuore della notte) e Leo, un poliziotto leale e divertente. Sean rimane affascinato da Ash fin dal primo momento in cui i suoi occhi si posano sull’uomo, anche se quest’ultimo ha un aspetto decisamente stanco e sopraffatto dalla neo-paternità.
Ero riuscito a dormire un po’ prima che fossi avvisato del rientro di Eric, ma non era stato abbastanza. Poi c’era stato il tizio sotto il portico, schiumante di rabbia, in pigiama, con le pantofole pelose a forma di papera e una buffa maglietta. Era sexy da morire; pensiero che avrebbe fatto meglio a restare privato, considerato che aveva una famiglia e quindi era off-limits per un branco di idioti come noi.
Il cuore di Ash, però, è barricato dietro un muro spesso. L’unica che possiede il potere di abbatterlo è la piccola Mia, la dolcissima creatura che il padre ama con tutto se stesso. Inoltre Ash è convinto che non ci sia posto per un uomo nella sua vita. È un padre single e gay, e i suoi unici obiettivi sono quelli di dare il meglio a sua figlia e aspirare ad essere un padre perfetto.
Sean però è davvero ostinato e non ha nessuna intenzione di rinunciare ad Ash, ne tantomeno a Mia, alla quale si affeziona con un solo sguardo verso la piccola. Poco alla volta i due cominciano ad avvicinarsi sempre di più, ma il neo-papà ha paura e mette i bisogni di sua figlia al primo posto. Non è facile aprire il proprio cuore a qualcuno; le paure spesso riaffiorano e piantano il seme del dubbio. Riuscirà Sean a fargli capire che non ha nessuna intenzione di lasciar andare entrambi? Ma soprattutto, riuscirà Ash a superare le proprie paure e scoprire il vero amore?
Quella bambina, mia figlia, rappresentava tutto quello che avevo sempre sognato e voluto. «Spero che mi vorrai bene,» dissi con la voce spezzata dall’emozione. «Cercherò di essere una brava persona e sarò il miglior papà del mondo.» 
Cari Colours dovete assolutamente leggere Single, perché è una lettura scorrevole, fresca, piacevole e di una tenerezza unica. Sono stata talmente assorbita dalla lettura che, quando sono giunta all’epilogo, non me ne sono praticamente resa conto e non ero pronta a staccarmi dalla storia. In questo romanzo l’autrice è riuscita a creare un intreccio delicato e leggero e ho passato delle ore in compagnia di un libro che non ha fatto altro che farmi spuntare un sorriso sulle labbra, nonostante a volte avrei sgridato volentieri Ash.
Tutti i personaggi secondari hanno un ruolo importante, soprattutto i migliori amici di Sean, Eric e Leo, e anche la madre e la sorella gemella di Ash, Siobhan. Quest’ultima è stata davvero una ventata d’aria fresca e in ogni scena in cui è apparsa non ho fatto altro che ridere! Ho adorato questo pizzico di ironia, che non guasta mai.
Tra i due protagonisti devo ammettere di aver amato moltissimo Sean, per il suo buon cuore, la sua lealtà e il suo carattere. Soprattutto ho apprezzato il suo non arrendersi di fronte a nulla, nemmeno al rifiuto. Una menzione speciale va ad Eric e Leo! Personalmente, non vedo l’ora di leggere le loro storie nei prossimi volumi di questa serie bella e coinvolgente. E ovviamente, mi piacerebbe molto ritrovare Sean, Ash e la piccola Mia.
I temi che vengono affrontati in Single sono naturalmente la paternità, le difficoltà che affronta un genitore single e omosessuale, che si ostina a non voler chiedere aiuto, se non quando si trova in una situazione complicata. Inoltre, RJ Scott affronta anche l’accettazione dell’omosessualità da parte del proprio genitore e il complesso rapporto madre-figlio. Argomento trattato in modo splendido dall’autrice, approfondendolo il giusto, senza renderlo pesante e non focalizzando l’attenzione su questo.
L’unico appunto che vorrei fare e che non mi ha convinta a dare un voto pieno, è stato il fatto che c’è stata una conclusione affrettata di alcune questioni nel capitolo che precede l’epilogo. Nonostante questo piccolo dettaglio, Single è decisamente un romanzo LGBTQ coinvolgente, romantico e dolce come il miele.
Se avete voglia di una lettura emozionante che vi faccia sorridere e sospirare di gioia, Single fa decisamente al caso vostro! Ash, Sean e Mia hanno una bellissima storia da raccontarvi. Nel frattempo, mi getto a capofitto nel secondo volume di questa serie dal titolo Today per scoprire cosa accadrà al mio pompiere preferito…
Ringrazio RJ Scott per aver fornito la copia ARC in cambio di una onesta recensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *