Scontro col destino

Scontro col destino di Georgia Lyn Hunter

Scontro col destino

Titolo: Scontro col destino
Serie: Fallen Guardian Series #2, Autoconclusivo
Autore: Georgia Lyn Hunter
Genere: Paranormal Romance
Narrazione
: Terza persona
Tipo di finale: Chiuso
Data di pubblicazione: 7 Gennaio 2020
Editore: Hope Edizioni

Trama: Essere un immortale senz’anima è già abbastanza brutto. Ma quando l’unica cosa in grado di preservare il suo onore è la dipendenza da un dolore incommensurabile, Blaéz diventa un pericolo per se stesso e per chi lo circonda.
Blaéz, un Guardiano che ha giurato di proteggere i mortali dal male soprannaturale, vive in bilico al limite dell’oscurità. Una buona azione lo conduce alla porta dell’unica donna il cui tocco è capace di riaccendere in lui le emozioni perdute nel Tartaro, ma è umana. Proibita. E farla entrare nella sua vita potrebbe distruggere entrambi.

Quando uno straniero bello da morire compare alla sua porta a notte fonda, Darci Callahan si scopre per la prima volta attratta da un uomo, che risveglia in lei il desiderio. Eppure Blaéz porta nella sua vita molto più di una passione inattesa: porta un pericolo fatale.
In questo nuovo insidioso mondo di dei e demoni, Darci scopre di essere al centro di un perverso gioco tra creature soprannaturali. La sua sorte è già stata stabilita da migliaia di anni, ben prima della sua nascita. Riuscirà la determinazione di Blaéz a spezzare il destino? A volte, non importa quanto tu possa amare qualcuno, devi amare abbastanza da lasciarlo andare…

Scontro col destino

Non so voi ma io, dopo aver letto Scontro col destino, posso affermare di avere un debole bello grosso per Georgia Lyn Hunter.

Dopo aver letto L’ultima resa ed Echo, Mine le mie aspettative riguardo al libro su Blaéz erano davvero alte. Dopo il guerriero più potente del gruppo è arrivato il momento di scoprire la storia di quello senz’anima, incapace di provare alcun tipo di emozione.
Appartenente al Phanteon Celtico, Blaéz è spietato, deciso e impassibile a causa di ciò che è successo nel Tartaro prima che diventasse un Guardiano. Il suo unico scopo è impedire alle creature dell’Inferno di fare del male agli umani; proteggerli è il suo dovere e, proprio mentre svolge questo compito, la sua strada incrocia quella di Darci Callahan, cambiando le loro vite in maniera inaspettata, per sempre.

Non lo aveva mai visto in vita sua. Perché una cosa era certa, era il tipo di uomo impossibile da dimenticare. Era troppo alto, troppo bello, troppo… tutto, in una maniera oscura, fatale.

Stare accanto alla donna, infatti, scatena in Blaéz qualcosa che pensava di aver perso per sempre. Toccandola, sfiorandola, riesce a percepire nuovamente le emozioni, qualcosa a cui non è abituato. Blaéz dovrebbe andarsene e basta, dovrebbe stare lontano dalla donna mortale. Sa bene che le Leggi Assolute proibiscono categoricamente l’unione di un immortale e un mortale, ma stare lontano da Darci si rivela praticamente impossibile per il guerriero.

Così, giorno dopo giorno, quel flebile legame nato tra la donna e il Guardiano si intensifica, diventa sempre più profondo e impossibile da negare per entrambi. Il mondo di Blaéz, però, è pieno di pericoli, alcuni dei quali derivano proprio dal passato del Dio. Una minaccia proveniente dal Tartaro rischia di distruggere la felicità di Blaéz, portandogli via l’unica donna che abbia mai amato e voluto, l’unica capace di farlo sentire vivo.

Quello che nessuno dei due immagina, però, è proprio che Darci è destinata a far parte di questo mondo pericoloso. Blaéz non è, infatti, l’unico ad avere un passato importante; la famiglia di Darci, la sua stirpe, custodisce un segreto capace di mettere fine alla vita della donna.
Riusciranno lei e Blaéz a superare l’ombra che da migliaia di anni condiziona la vita del guerriero, e impedire che la maledizione di Darci si compia?
Basterà l’amore per sopravvivere alla morte?

Come poteva spiegare il sentimento di impotenza che gli stava crescendo dentro? Di inettitudine. Non importava che l’avesse rivendicata fisicamente, Darci non era veramente sua e mai lo sarebbe stata. E lui la voleva con ogni fibra del suo essere.

Parlarvi di un personaggio come Blaéz è davvero complicato, perché è così complesso e difficile da decifrare. Ha passato migliaia di anni privato di ogni tipo di emozione ed ora, all’improvviso, deve fare i conti con tutte quante, anche insieme, provare a controllarle per non farsi sopraffare.
Eppure, nella sua durezza, c’è una tenerezza infinita. Può apparire come l’uomo di ghiaccio, composto e duro, intransigente e inflessibile, ma quando tiene a qualcuno – per quanto l’assenza di emozioni gli permetta di creare dei legami – è sempre pronto a fare di tutto per dare una mano. È stato proprio questo suo pregio a portarlo a perdere le emozioni nel Tartaro e passare una vita senza poterla vivere davvero.
Solamente nel dolore intenso Blaéz riesce a trovare conforto e contrastare quella parte di lui che lo attira nel Tartaro, ma non sempre il dolore basta.

Attraverso le pagine di Scontro col destino si percepisce tutta la sofferenza del Guardiano, la sua voglia di resistere a ciò che lo riporta all’inferno ogni volta, il suo bisogno di provare dolore e anche il senso di colpa che deriva da tutto ciò.
E Darci, lasciatemelo dire, a modo suo è una donna davvero forte e determinata.

Non si lascia abbattere dalla situazione, è disposta a correre il rischio con Blaéz e soprattutto è in grado di vedere al di là della fredda apparenza dell’uomo.
Quando viene a conoscenza del proprio destino preferisce vivere intensamente che piangersi addosso, è pronta a lottare e battersi per sé stessa e per le persone che ama, anche se questo significa mettere in pericolo la propria vita.

Georgia Lyn Hunter è stata davvero brava a raccontarci la storia di questo Guardiano che, grazie alla sua compagna, è tornato a vivere appieno. È come se il mondo di Blaéz – da bianco e nero sbiadito – fosse tornato nitido, pieno di colori e suoni, intenso e brillante, degno di essere vissuto davvero piuttosto che farne parte come un mero spettatore.
Solitamente il secondo volume di una serie come questa è spesso sottotono, ma in questo caso posso confermare che l’ho percepito totalmente, che me ne sono innamorata e che, leggendo Scontro col destino, è cresciuta in me la curiosità per i libri successivi.

 

Scontro col destinoScontro col destino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *