Rescue Me

Rescue Me di Elisa Gentile

Rescue MeTitolo: Rescue Me: Xander & Hailee

Autore: Elisa Gentile

Serie: Lovers #2
Genere:  Angst Contemporaneo (Autoconclusivo)
Narrazione: Prima persona POV alternati (Xander e Hailee)

Tipo di Finale: Concluso
Data di pubblicazione: 30 Ottobre 2019
Editore: Self Publishing
Trama:

Lei è Hailee. E da sempre ama Xander

Non conosce altro amore all’infuori di lui: aveva solo tredici anni quando, improvviso come solo un colpo di fucile può esserlo, perde la testa per quel ragazzo. Non una semplice cotta: lei, per lui, ci perde proprio il cuore.

E non importa se, inizialmente, sia solo tutto baci rubati e carezze proibite; gli anni passano, e di quell’amore idilliaco di cui sa tutto, Xander capisce di non potersene fare nulla.

Perché c’è Kelly. E perché lei aspetta un figlio suo.

Dopotutto, lui da Hailee sa di trovare solo poche cose: un porto sicuro, una notte al caldo, un salvarsi quando l’uragano rischia di investirlo.

Xander, anima in pena, che, prima di uscire di casa, che sia per lavoro o per un incontro clandestino di boxe, si accovaccia a terra, allarga le braccia e stringe a sé il proprio bambino, come se temesse che possa essere la sua ultima volta.

Lui, che ha vissuto l’agonia di dover riconoscere il corpo inerme della propria compagna morta.

Lui, che è solo un ammasso di muscoli, rabbioso e che si trascina a forza.

Lui, che è convinto di non poter amare mai più.

Ed è così da sempre: da quando Hailee è nella testa di lui per sbaglio e da quando, corpo contro corpo, è iniziato un gioco al massacro che ha loro due come vittime.

Chi dovrebbe perdonare chi, quindi, se lei lo ama come non si dovrebbe amare e lui pensa di prendersi qualcosa che non gli appartiene?

Xander ed Hailee sono questo: un amore cancellabile, come una voglia consumata.

Ma anche indelebile, come la macchia di un colore sul foglio.

“Non riesco a combatterlo – è inutile tentare di sconfiggerlo, c’è solo da viverselo”.

Dopo Suddenly, torna Elisa Gentile con il secondo capitolo della serie Lovers dal titolo Rescue me.

Un romanzo very very angst che ha come protagonisti due personaggi già ampliamente conosciuti in Suddenly: Xander e Hailee.

Siete pronte a conoscere questa tormentata storia d’amore?

Mi correggo siete pronte a conoscere questa, devastante, corrosiva, malata e tormentata storia d’amore?

Ok, se state ancora leggendo significa che vi siete assunte il rischio, armatevi di Malox, Kleenex e allontanatevi da qualsiasi essere dotato di attributi maschili perché, su di lui, ricadranno tutte le colpe del protagonista di Rescue me.

Hailee Davies è bellissima, capelli rossi tendenti all’arancione, labbra morbide, pelle bianca come il latte e occhi incredibilmente verdi.

Da quando ha tredici anni è pazzamente innamorata di Xander Jackson.

Non ha mai desiderato altri che lui, nessuna alternativa.

Farselo entrare in testa è stato facile, un vero gioco da ragazzi, ma quello che Hailee a tredici anni non sa è che, innamorandosi di Xander ha preso il sentiero più tortuoso, quello che porta dritto dritto all’inferno.

Per lei, lui è INDELEBILE e terribilmente dannoso.

Indelebile come uno di quei disegni osceni alla lavagna che poi non si cancellano mai più, sembrano fatti apposta per restare lì e ricordarti per sempre dell’enorme imbarazzo.

Per Xander è la ruota di scorta, la ragazza della scuola con una cotta pazzesca per lui, quella che ci sarebbe stata sempre, quella facile, la scopata occasionale, quella pronta a consolarlo durante i mille litigi con la sua fidanzata Kelly.

E sì ragazze mie, Kelly, la perfetta Kelly, la bionda fidanzatina che a soli venti anni lo rende padre di Marvin – un bambino meraviglioso – e che, un anno dopo, a causa di un incidente, lo lascia solo e nel suo dolore, con un bambino da crescere.

Disperato, quando, però, il letto di Hailee è ancora caldo per il suo recente tradimento.

Xander è un uomo distrutto, un’anima straziata, un padre solo, spezzato in due perché non riesce a perdonarsi.

E chi sarà secondo voi la preziosa pedina del suo gioco al massacro?

Hailee: la sua valvola di sfogo, la vittima sacrificale mentre lui prende la mira e non sbaglia un colpo.

Sa di non essere altro che una valvola di sfogo, una puttana messa lì sulla strada che posso caricare in macchina come e quando mi pare, tanto ci sarà sempre. Un gingillino con cui trastullarsi spesso e bene. Sa tutto. Mi conosce. Sa di cosa sono fatto. Sa della pietra con cui è fatto il mio cuore.

Xander da lei, non vuole altro che carne, pelle e corpo.

Piacere e Tormento.

La prende, la usa, la lascia, sola, con gli occhi pieni di lacrime, per poi riprenderla e lasciarla di nuovo.

Vuole non essere mai stanco di lei, vuole vederla soffrire, ancora e ancora, almeno quanto soffre lui.

Desidera non averne mai abbastanza, continuare a viaggiare a luci spente, trovando sempre un motivo diverso per volerle davvero male.

Tanto male. Tanto dolore. Per poi tornare sempre al punto di partenza, anestetizzato fino a non sentire più niente.

 E lei?

Non vuole rinunciare a lui e non vuole dimenticarlo; nessun altro, che non sia lui, può avvicinarla, perché la sua unica speranza è che lui, prima o poi, riesca ad amarla.

E questo rappresenta  il suo primo sbaglio, il primo, seguito da tanti altri.

«Tu hai avuto il dolore per la perdita di Kelly, sì, è vero», ammette, e non ha paura che le salti al collo per quel nome. «Ma io sono stata condannata ad amare per sempre chi ha finito per distruggermi. Chi ha sofferto di più, Xander?».

Forse è questo il vero potere di Xander.

Lui distrugge, lui logora, massacra, usa e sfrutta.

E con lui, Haileen, ha scelto di annientarsi, di vivere senza niente pur di avere lui, un’eutanasia fatta troppo in fretta mentre aveva ancora tutto da vivere: ha scelto l’infelicità.

Perché per Xander, lei è CANCELLABILE, la prima persona che chiamerebbe per riempirgli il letto ma l’ultima per scaldargli il cuore.

Cancellabile come un disegno venuto male. Cancellabile come una voglia consumata.

E adesso?

Adesso Haileen aspetta un bambino: il figlio di Xander.

Rescue MeCos’è Rescue me?

Rescue me è uno di quei romanzi che ti annienta, ti distrugge, ti rende dipendente, come una droga letale che ti uccide, come Xander ha fatto per dieci anni con Haileen o meglio, con il suo amore per lui.

È strepitoso, è allucinogeno. È pura droga, mi fa stare bene, l’istante dopo sto morendo per overdose.

Un mix di odio, dolore, paura, coraggio, passione ed amore.

Qualcosa di tossico, cattivo, spietato ed infelice come lo è il suo protagonista.

Xander è il buono e il cattivo tempo, gioia e calvario, disagio ed appagamento, piacere e dolore: uno stronzo masochista che si diverte a fare del male.

Ma è anche lo stesso uomo che si accovaccia a terra per abbracciare il figlio prima di andare al lavoro, che se ne frega se arriverà in ritardo perché in fondo, quell’abbraccio, potrebbe anche essere l’ultimo.

È quell’uomo che accende la tv, azzera il volume e lascia la porta socchiusa per vedere la luce, per non far investire il proprio corpo dalle tenebre, lo stesso corpo che imperterrito continua a far massacrare e lo stesso che Haileen continua a lenire.

Sente l’odore del sangue, lo avverte e sembra voler lenire, con le proprie carezze, ognuna delle mie ferite. Quelle che vede, quelle che può aggiustare. Quelle che le permetto di medicare.

Può bastare?

Lasciatemi dire ancora qualcosa, questa volta sulle donne protagoniste di questo romanzo: Haileen, Elisa e Roberta.

Haileen quella giovane e bella ragazza dai capelli rossi, con sfumature arancioni colei che ne ha subite tante e, nonostante tutto, ha sempre lottato per il suo amore adolescenziale che con il tempo è diventato qualcosa di malato ed incontrollabile, INDELEBILE.

Elisa Gentile, maestra indiscussa dei miei tormenti, del CAOS, penna prodigiosa e dolorosa, artefice della mia gastrite e delle mie lacrime.

Anche questa volta me l’hai fatta, mi hai disintegrata e ridotta in un essere arrabbiato ed emozionato ma anche soddisfatto, di aver conosciuto una storia così forte e coinvolgente.

In fondo questo è lo scopo di voi autrici vero? A freddo, TI AMO un po’ di più!!

Ti amo per il coraggio dimostrato nel descrivere determinate scene nonostante il dolore provato durante la stesura. Tra le righe traspare ogni sensazione, emozione e tormento. Ti ammiro tantissimo!!

E poi c’è Roberta, la beta, colei che ha letto per prima questa storia – e anche le successive – e che, occupandosi della parte tecnica ha donato ad essa una parte ancora più reale e concreta. Brava Roby!

Non mancano nella storia i personaggi secondari, che interagiscono con i nostri due protagonisti, lo splendido Marvin, dolci e più innamorati che mai Joss e Douglas, Red e Claudio – già conosciuti in Suddenly -. E poi, ci sono due new entries, due personaggi da scoprire e da amare, ma, per il momento, vi svelerò solo i loro nomi – Cam e Niall – con l’augurio, che più avanti, sentiremo ancora parlare di loro.

 

  • Amate le storie tormentate e sofferte.
  • Siete attratte dai protagonisti cattivi, spezzati e spietati.
  • Adorate lo stile coinvolgente di Elisa Gentile e non vedete l’ora di leggere Rescue me.

 

 

Per me non può essere che INDIMENTICABILE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *