Pia vola a Hollywood

Pia vola a Hollywood di Thea Harrison

Pia vola a Hollywood

Titolo: Pia vola a Hollywood
Serie: Razze Antiche #8.6
Autore: Thea Harrison
Genere: Paranormal Romance
Narrazione
: Terza persona
Tipo di finale: Chiuso
Numero di pagine:
Data di pubblicazione: 12 Maggio 2020
Editore: Triskell Edizioni
Trama: Dopo aver trovato un accordo diplomatico con gli umani e gli altri capi delle Razze Antiche, Pia Cuelebre, compagna di Dragos Cuelebre, signore dei wyr, si dirige controvoglia a Hollywood per trascorrere una settimana con la regina dei fae di luce Tatiana, prima che a New York abbia inizio il masque di dicembre.

Un mancato invito non ha mai dissuaso Dragos dal fare quello che gli passa per la testa. Così, restio a far andare la compagna da sola, viaggia in segreto con lei nel sud della California.
Quando, però, un vecchio nemico sferra un attacco devastante contro la regina dei fae di luce, Dragos e Pia sentono il bisogno di intervenire. La distruzione minaccia di colpire e sterminare chiunque abbia poteri magici, siano essi umani o membri delle Razze Antiche.
Dragos e Pia collaborano con la regina dei fae di luce per neutralizzare il pericolo, ma a un certo punto le loro fragilità più profonde vengono messe alla prova, e i loro segreti rischiano di essere svelati.

Pia vola a Hollywood è la seconda parte della trilogia su Pia, Dragos e il figlio Liam. Ogni storia può essere letta individualmente, ma consigliamo di leggere i libri nell’ordine in cui sono stati pubblicati: Dragos va a Washington, Pia vola a Hollywood e Liam conquista Manhattan.

Attenzione! La recensione può contenere spoiler dei volumi precedenti della serie.

Leggere un libro di Thea Harrison con protagonisti Dragos e Pia è un po’ come tornare a casa. Questi due personaggi ci hanno accompagnato per tutta la serie delle Razze Antiche, sono stati il collante, il cuore della serie. E diciamolo, sono un po’ anche il centro delle vicende che stanno succedendo ultimamente in questo mondo.

Dopo la cena che ha messo a dura prova l’alleanza pacifica tra le razze antiche e quella umana, ora un rappresentante per ogni razza deve passare una settimana come ospite da un’altra famiglia, come segno di buona fede. Dragos non può abbandonare il proprio territorio e come capo dei wyr non deve rischiare. Né lui né Pia vogliono mandare Liam, loro figlio, a casa di estranei per troppo tempo, così l’unica soluzione è che vada Pia. All’apparenza sembrerebbe un’idea brillante e strategica, vista l’indole calma e tranquilla di Pia. L’unico problema è che ha scoperto di essere nuovamente incinta, e la gravidanza è a rischio. Per non parlare poi del fatto che nessuno deve scoprire l’animale wyr di Pia, perché potrebbe mettere in pericolo la sua vita.
Insomma, un bel pasticcio, no?

Il problema è che rimandando la visita o non presentandosi, Pia potrebbe scatenare un incidente diplomatico e, con i rapporti così tesi, nessuno se lo può permettere. Così Pia vola a Hollywood, a casa della regina Tatiana, sovrana del popolo dei Fae di Luce dell’America. Dragos, ovviamente, non può lasciare la propria compagna per una settimana, così decide di farsi una vacanza proprio in California. In fondo, nessuno ha vietato al drago di visitare il territorio, l’importante è che nessuno sappia della sua visita. Per un wyr stare lontano dalla propria compagna per giorni è impossibile, va contro il loro istinto e tutto quello che sono.
Quindi che male può fare una visitina in California, esattamente nello stesso stato di Pia?

Posso solo dirvi che la presenza di Dragos si rivelerà una salvezza, perché appena lasciano la propria casa Dragos e Pia sono coinvolti in incidenti spesso mortali, che coinvolgono un vasto numero di persone e mettono a rischio la fragile alleanza tra le razze antiche e la popolazione umana. Anche questo viaggio, ovviamente, si rivelerà una sfida ardua e inaspettata da affrontare, che coinvolgerà Dragos in persona e rivelerà uno dei segreti di Pia. Quale? Non posso mica raccontarvi tutto, vi basti sapere che Pia vola a Hollywood è una novella avvincente e veloce da leggere, ma che arricchisce, ancora una volta, questa serie.

Quello che mi ha lasciata basita, in alcuni momenti, è stato il personaggio di Pia. È stato come avere a che fare con una Pia affetta da personalità multipla. L’attimo prima è preoccupata e isterica, quello dopo calma come se non fosse successo nulla. Una continua altalena di emozioni in parte giustificata dalla gravidanza, ma che non può essere così radicale e improvvisa. Al contrario, Dragos ha mostrato, ancora una volta, tutto il suo potere e la sua forza, ma anche quanto, nel corso del tempo, è maturato e cresciuto. È apparso più umano, razionale e meno egoista. Questo sicuramente è merito della sua relazione con Pia, che possiamo definire la sua àncora, il suo punto fermo, quello che lo tiene attaccato alla sua umanità quando il Potere dentro di lui vuole prendere il sopravvento.

Copia ARC fornita dalla Casa Editrice in cambio di un’onesta e sincera recensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *