Luca Vitiello

Luca Vitiello di Cora Reilly

Luca Vitiello

Titolo: Luca Vitiello
Serie#0.5, Mafia Chronicles, Autoconclusivo
Autore: Cora Reilly
Genere:  Mafia Romance
Tipo di finale: Chiuso
Narrazione: Prima persona, POV protagonista maschile (Luca)
Data di pubblicazione: 26 giugno 2020
Editore: Hope Edizioni
TRAMA:
Ero un mostro.
La crudeltà scorreva nelle mie vene come un veleno. Scorreva nelle vene di ogni maschio Vitiello, trasmessa di padre in figlio, una spirale di mostruosità senza fine. Ero un mostro che i pugni, la lama e le parole brutali di mio padre avevano reso anche peggiore.
Ero stato cresciuto per diventare Capo, per dominare senza pietà, per dispensare brutalità senza ripensamenti. Cresciuto per sottomettere gli altri.

Quando Aria mi fu data in matrimonio, aspettavano tutti di vedere, con il fiato sospeso, quanto in fretta l’avrei soggiogata nello stesso modo in cui mio padre spezzava le sue donne. Volevano vedere come avrei distrutto la sua gentilezza e la sua innocenza con la forza della mia crudeltà. Annientarla mi avrebbe richiesto un piccolo sforzo: mi veniva naturale.

Ero felice di essere il mostro che tutti temevano, finché non è arrivata lei.

Nota dell’autrice: Legati dall’onore dal punto di vista di Luca.

Qualche giorno fa Luca Vitiello si è materializzato nel mio kindle e mi ha “obbligata” a partecipare al Review Tour, organizzato dalla Hope Edizioni in occasione dell’uscita del volume #0.5 della serie Mafia Chronicles che Cora Reilly gli ha interamente dedicato.

Per chi ha già letto Legati dall’onore il primo volume della serie, scritto dal punto di vista di Aria Scuderi, Luca Vitiello non ha bisogno di presentazioni.

Tutti sanno che lui, quando gli viene promessa in sposa la figlia di uno degli esponenti di maggiore spicco della mafia di Chicago, è il designato erede del Capo dei Capi dell’Organizzazione di New York.

Per tutte le lettrici lui rappresenta il fascino del male. 

Lui è un personaggio spietato e crudele, temuto e rispettato.

Niente può distrarlo dal suo giuramento di sangue. La sua vita è destinata a servire esclusivamente gli interessi della Famiglia.

Aria ha paura del suo futuro marito, detto la “Morsa” per aver strangolato un suo cugino a mani nude. 

Il loro è un matrimonio d’onore, un mero contratto e lei è sicura di diventare solo una sua proprietà e di non poter mai riuscire ad avere con lui un rapporto fatto di rispetto e amore.

Dalle parole di Aria in Legati dall’onore sappiamo che però le cose andranno diversamente da come lei ha inizialmente immaginato. 

L’amore arriva e le vite di Aria e Luca si legheranno indissolubilmente.

Quando ho recensito la loro storia avevo scritto queste parole:

“Cora Reilly in Legati dall’onore, utilizzando il POV di Aria, ci permette di interpretare bene l’evolversi dei sentimenti e delle emozioni del personaggio femminile, ma lascia insoddisfatta la necessità di ascoltare anche il pensiero di Luca. Forse la presenza del suo punto di vista avrebbe reso più profonda e completa la loro storia.”

Di certo Cora Reilly non ha scritto Luca Vitiello per esaudire un mio desiderio, però posso confermare che il punto di vista di Luca, permette davvero di entrare molto più in sintonia con il suo personaggio.

Non pubblicare il punto di vista del protagonista maschile subito dopo Legati dall’onore è stata certamente una scelta azzeccata, perché rileggere la storia dopo un certo periodo risulta piacevole e si ha, quasi, la sensazione di leggere qualcosa di nuovo.

Ed effettivamente, in Luca Vitiello, abbiamo modo di scoprire tanti aspetti del suo animo, i suoi pensieri e le ragioni di alcune sue azioni, che prima non era stato possibile conoscere.

Luca si considera un mostro per nascita. Il solo fatto che nelle sue vene scorra lo stesso sangue di suo padre gli ha assicurato un posto negli inferi per l’eternità.

«Io sono nato mostro. La crudeltà mi scorre nelle vene come veleno. Scorre nelle vene di ogni maschio Vitiello, passando di padre in figlio, attraverso un’infinita spirale di mostruosità.»

Luca VitielloI suoi ricordi di quando era solo un bambino sono l’odore ed il colore del sangue, le urla di sua madre, il dolore delle punizioni inflitte da suo padre. La paura di avere paura. 

«Abbassai gli occhi sui miei piedi, sulle calze impregnate di sangue, senza aggiungere altro perché sarebbe stato da deboli farlo. Non mi era permesso essere debole. Mai.»

La necessità di crescere in fretta per essere abbastanza forte da non provare più timore di nulla. 

Adesso che è un adulto ha due certezze: quella di saper odiare e quella di non possedere nessuna debolezza.

Le uniche persone a cui tiene sono suo fratello Matteo e il suo fidato amico d’infanzia Romero.

Queste sue certezze vacillano quando incontra colei che diventerà sua moglie: Aria. Lei, pura ed innocente, l’unica capace di illuminare la sua oscurità. 

«Non pensavo che nella mia vita sarebbe entrata una luce così intensa da trafiggere le tenebre della mia esistenza. Abbassai gli occhi sulla corona dorata dei capelli di Aria: era un raggio di luce persino nel buio della stanza.»

Aria scalfirà la sua corazza, perché riuscirà a fargli provare emozioni inattese ma anche perché saprà amare pure i suoi demoni.

«Era un’emozione che non conoscevo e che non desideravo sperimentare di nuovo.»

Luca Vitiello mostra la sua anima nera. Non si nasconde in false giustificazioni. La sua natura è malvagia e lui la sua crudeltà la mette in pratica sempre, con tutti, tranne che con lei.

Di lei ha rispetto, per lei sacrifica sé stesso, con lei scopre di essere capace di amare.

«Per la prima volta nella mia vita, un bacio mi trasmise uno strano senso di… appartenenza. Mi ritrassi, fissando gli occhi azzurri socchiusi di mia moglie.»

In Luca Vitiello, scopriamo perché è possibile amare anche ciò che è negatività.

E Luca Vitiello, nonostante tutto, riuscirà a farsi amare e desiderare. Soprattutto dalle lettrici.

Personalmente ho molto apprezzato il modo in cui, Cora Really, ha ripercorso gli eventi attraverso gli occhi di Luca. La descrizione dei fatti ma in particolare delle personalità di alcuni personaggi secondari descritti da lui mi hanno strappato più di un sorriso. Soprattutto quando si riferisce all’imprevedibile fratello Matteo o  all’impavida e giovane Gianna.

Adesso vi lascio alla lettura caliente di Luca Vitiello  e intanto io resto in trepidante attesa della prossima pubblicazione di cui non posso dirvi niente, né il titolo né i nomi dei protagonisti….

Legati dalla tentazioneLiliana & Romero.

Ops!!!

«Lei era mia. Mia moglie. E, per questo, volevo proteggerla, anche da me stesso… il compito più difficile di tutti.»

Copia ARC inviata gratuitamente dalla Casa Editrice in cambio di una recensione onesta e sincera.

 

 

 

 

 

Link per l’acquisto di

Legati dall’onore vol. 1 Serie Mafia Chronicles
Legati dal dovere vol. 2 Serie Mafia Chronicles

Legati dall’odio vol. 3 Serie Mafia Chronicles

Link alle recensioni di:
– Legati dall’onore vol. 1 Serie Mafia Chronicles

Legati dal dovere vol. 2 Serie Mafia Chronicles
Legati dall’odio vol. 3 Serie Mafia Chronicles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *