La grande onda

La grande onda di Ketty La Rosa

La grande onda

Titolo: La grande onda
Serie:  Stand Alone, autoconclusivo
Autore: Ketty La Rosa
Genere:  Poesia con Illustrazioni
Tipo di finale: chiuso
Numero di pagine: 126
Data di pubblicazione: 22 maggio 2020
Editore: CTL Editore – Libeccio Edizioni
TRAMA:

Il percorso artistico dell’autrice è un connubio di arte figurativa simbolica e arte letteraria.
I suoi dipinti rievocano gli stati della natura e le emozioni a loro connesse.
La scelta del titolo del libro”La Grande Onda “ è stata determinata non solo per il riferimento al suo dipinto ma anche e soprattutto perché la poesia assale, invade l’anima, trasporta proprio come una grande onda.
Le sue poesie infatti sono intrise di metafore, di stati emotivi, di denuncia sociale, ritmiche; sembrano danzare come le onde del mare e si infrangono a riva con tutta la loro forza, così come nel cuore del lettore, arrivano dirompenti senza filtri.
Il libro è suddiviso in capitoli che richiamano infatti proprio gli elementi della natura:Terra, Acqua, Cielo, Fuoco: elementi che fanno parte della nostra essenza, che si mescolano nei meandri della nostra vita e nel suo continuo ciclo.

Biografia

Ketty La Rosa, nata e vissuta a Catania fino all’anno 2004, si è poi trasferita a Verona dove ha intrapreso l’attività di insegnamento e dove tuttora vive e esercita la professione di docente di scuola primaria.
Pittrice, artista autodidatta da poco più di un anno ha scoperto questa sua propensione latente. Il suo genere è figurativo, simbolico.
Nella sua pittura predominano i colori intensi e la luce e le sue opere sono spesso abbinate alle sue poesie. I suoi versi hanno accompagnato anche le opere di altri suoi amici pittori.

L’amore per la poesia risale sin dai tempi dell’adolescenza e delle scuole superiori.
Appassionata anche di fotografia.
Fa parte di diversi gruppi artistici su Facebook.

Premiata più volte con video poesie sul canale YouTube dal gruppo “Artè”.
Nel 2020 presente sull’ Atlante dell’Arte Contemporanea De Agostini.

Ha partecipato al Premio Città di Battipaglia 2018 Concorso Internazionale di Poesia e Narrativa per cui le è stato conferito il Diploma di Finalista Poeta.
Ha partecipato al Premio Poesie d’Amore di A.L.I, per la quale ha vinto la Menzione d’Onore in pergamena e la pubblicazione della sua poesia nel volume Antologia del Premio.

Ha partecipato al Premio Mario Luzi 2019 e sarà con un estratto della sua poesia nell’Agenda dello scrittore Mario Luzi del 2020. Presente come finalista nell’antologia poetica per il Concorso Internazionale città di Montegrotto Terme con la poesia “Donna” Premiata al premio letterario” Arte città amica Torino” per la poesia “Torino” con diploma d’onore e pubblicazione nell’Antologia del premio letterario.

Premiata al premio internazionale Michelangelo Buonarroti di Seravezza- Lucca con il diploma d’onore e menzione d’encomio e pubblicazione nell’Antologia del premio.
Questo è il suo primo libro di poesie.

La grande onda

Oggi vi parlo di un libro per me speciale perché Ketty La Rosa, l’autrice di Una grande onda, è mia sorella. Inutile negarlo, sono un tantino di parte! Comunque, cercherò di mantenermi obiettiva nel presentarvi la sua prima pubblicazione che racchiude, tra le pagine, l’animo artistico che da sempre ha caratterizzato la sua indole.

La grande onda contiene tutte le poesie che sono nate nel cuore di Ketty grazie alle sensazioni suscitate dai dipinti di alcuni suoi amici pittori  ma anche di quelle provate, durante le creazioni di quelli realizzati dalle sue stesse mani.

I colori, le luci e le emozioni impresse su tela, grazie alla sua sensibilità poetica, sono diventati versi e rime, espressione di stati d’animo, gioia e appagamento, forza e tumulto, energia e frastuono. Come una grande onda, le emozioni di questo libro travolgono ma lasciano nell’animo una scia di ristorante vitalità.

Per descrivere quello che la poesia significa per Ketty ho pensato che il modo migliore è riportare un estratto di una sua poesia, quella che conclude La grande onda e che s’intitola appunto “La poesia”, perché questi versi riassumono perfettamente tutta la passione e l’amore che troviamo impressi in ogni singola parola di questo imperdibile libro.

LA POESIA
«È brivido dentro che scivola via,
è intuizione della mente mia,
è sentiero poco battuto

è vertigine di un’emozione
è la speranza di un’ illusione;
è luce che si svela
è vivere una chimera;
è trapasso dopo la morte
è scia oltre la sorte;

è l’anima mia
che vola via.»

La grande onda

Tutte le poesie presenti in La grande onda rappresentano l’espressione della sensibilità della loro autrice, una donna alla continua scoperta dell’essenza della vita. Lei, che questa energia vitale la ricerca nella meraviglia della natura, nelle memorie del vissuto, nelle proiezioni dei propri sogni e dei propri desideri e nella speranza del futuro.

L’infinito
«Il mio sguardo verso l’infinito,
Il cuore in tumulto e un amaro sorriso.
Raggi di luce e di fulgore dipinto
come in un sogno che viaggia sospinto,
nell’alba o nel tramonto
nello spazio indistinto…..»

La grande è onda è pura energia, che si canalizza tra le parole, passa per il cuore e si sprigiona nelle magnifiche illustrazioni che accompagnano il testo.

LA GRANDE ONDA
«Bagliori nel cielo
accendono il mare
dall’orizzonte un’onda risale,
risale possente con forza perenne
si gonfia nel petto con impeto netto.
Cavallone gigante lanciato al galoppo
dal mare in tumulto
un grande sussulto
e rumore sordo,
si infrange con suono di batteria
tracciando una scia….»

Infine, lasciatemi riportare la poesia che è stata scritta da mia sorella in ricordo della nostra amata mamma.

Questo, infatti, è un omaggio che rileggo ogni volta che sento il bisogno di colmare un pochino di quel grande vuoto che lei ha lasciato nel cuore.

IL CASSETTO
«Andavo a rovistare
in quel cassetto
A cercare il tuo odore,
Lingerie
al profumo di mughetto,
E dopo averti respirato
Del tuo ricordo aver saziato
il mio cuore abbandonato,
vivevo la vita senza più il tuo amore
La tua assenza era un pugno al cuore.
In casa ovunque la tua impronta, il tuo passaggio,
sugli arredi, sulle mura, il tuo sudore, il tuo coraggio
E ancora sento riecheggiare il tuo nome.
Mamma !
Sei andata via dopo una lotta infinita
tu paladina della vita.
Ricordo le tue mani,
eri di fragile vetro e carta pesta
e il mio cuore urlava:” Mamma resta !”
E quanto amore nei tuoi occhi stanchi,
di patir affanni.
Sei andata via e con te ogni speranza
di rivedere la luce in questa stanza
e ancor di notte
dopo tanti anni mi ritrovo quel cassetto davanti,
e sentir il tuo profumo non mi stanco
mamma sei il mio grande rimpianto
Ora ho chiuso quel cassetto… vivi nel mio petto!»

Quindi, sono riuscita ad accendere la vostra curiosità?

In ogni caso, spero di essere almeno riuscita a dare il giusto merito alla poetessa e alla pittrice che vivono in “Kettuccia mia”.

Correte a comprare La grande onda!!!

 

 

 

 

Link per l’acquisto di La grande onda

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *