Il sorriso di Jesse

Il sorriso di Jesse di Angelique Jurd

Il sorriso di Jesse

Titolo: Il sorriso di Jesse
Serie: Stand Alone
Autore: Angelique Jurd
Titolo originale: Jesse’s smile
Genere:
Contemporary Romance, Gay Romance, LGBTQ
Narrazione: Terza persona
Pagine: 471
Tipo di finale: Concluso
Data di pubblicazione: 13 Gennaio 2020
Editore: Quixote Edizioni

Trama: Jesse Peterson ha ventisei anni e ama lavorare in un negozio di animali. Ama i gatti, i cani e in particolar modo Sniffles, il coniglio. Quello che non ama è il modo in cui le persone danno per scontato che sia ritardato. Che non riesca a occuparsi di se stesso, che non sia un uomo. Perciò quando un nuovo cliente, venuto a comprare cibo per il suo gatto, gli chiede di uscire, Jesse fa fatica a capirne il motivo. Lui sa di non essere stupido, ma nessun altro sembra capirlo. La gente vede in lui solo un giovane attraente, il cui sorriso sembra la cosa più brillante che possiede.

Drew Oliver non è “le altre persone”. Insegnante di liceo con una storia di decisioni personali sbagliate, Drew è paziente, affettuoso, e non gli importa che Jesse sia diverso. Vuole solo farlo sorridere il più possibile.
Sembrano tutti avere un’opinione sulle differenze tra Drew e Jesse, e pochi sembrano notare le cose che hanno in comune. Può la loro relazione sopravvivere allo scrutinio e al giudizio di chiunque attorno a loro? E quando una delle pessime scelte di Drew torna dal passato, l’amore sarà sufficiente per aiutarli a sopravvivere a quello che succederà?

Cari Colours, bentornati! Siete pronti a conoscere un ragazzo… no, non un ragazzo, un uomo speciale di nome Jesse? Sto parlando di uno dei protagonisti del romanzo Il sorriso di Jesse, scritto da Angelique Jurd, tradotto e pubblicato da Quixote Edizioni.

Il sorriso di Jesse è un libro che mi ha affascinata fin da subito dalla trama. Ero molto curiosa di leggerlo e non ne sono rimasta delusa. Devo però ammettere che inizialmente ho fatto un po’ fatica ad entrare in sintonia con i personaggi e con la storia in se’, ma quando l’intreccio ha iniziato a prendere vita, non riuscivo più a staccarmi dalle pagine.
Partiamo dal principio: Jesse è molto bello ed è un uomo di ventisei anni che lavora in un negozio che vende l’occorrente per gli animali. Jesse…

Sa di non essere stupido. Né ritardato, e non importa ciò che dicono certe persone. Persone che pensano di essere normali. Non capisce le cose nel modo in cui le capiscono gli altri e a volte tutto diventa confuso, soprattutto se è sotto pressione, ma non equivale a essere stupidi.

Lui è dislessico, ha la sindrome di Mears-Irlen, soffre di DOC, ovvero Disturbo Ossessivo Compulsivo, e gli è stato diagnosticato anche un disturbo dello spettro autistico. Eppure… è un combattente nato e possiede un’intelligenza che mi ha lasciata sbalordita in più punti della storia. Da sempre lui ha dovuto fronteggiare le derisioni e gli scherni da parte di chi non lo capisce e lo tratta come se fosse un ritardato o un imbecille.

Durante un turno di lavoro al negozio, Jesse, dovrà avere a che fare, per l’ennesima volta, con l’ignoranza e la cattiveria delle persone. Ma sarà anche in questa occasione che incontra Drew. Lui è un insegnante di Inglese al liceo e fin dal primo momento in cui incontra gli occhi di Jesse, ne rimane totalmente incantato. Spesso, Drew, dopo il loro primo incontro, non riesce a fare a meno di pensare al commesso del negozio di animali.
Drew decide di fare la prima mossa: complice una tenera gattina di nome Birba, ha la scusa perfetta per recarsi di nuovo al negozio per animali e invitare Jesse a uscire con lui. Inizialmente anche Drew si stupisce delle sue parole.

A causa della sua ultima relazione, Drew, ha paura a lasciarsi coinvolgere da qualcuno, ma Jesse è così interessante che le parole escono con tanta naturalezza. Con sua grande sorpresa, dopo molta incertezza e indecisione, Jesse accetta l’invito a uscire e fatica a comprendere come un uomo bello come Drew, possa interessarsi a una persona come lui, come possa interessarsi a qualcuno che non è “normale”.

 «Jesse, sai, non sei rotto, sei solo diverso. E mi piacerebbe ancora portarti fuori domani sera.» Sospirando, Jesse si appoggia allo schienale per un momento, incerto sul da farsi.

Drew e Jesse dovranno affrontare parecchi ostacoli sul loro cammino. Molti tenteranno in tutti i modi di scoraggiare Drew, come se avere una relazione con una persona come Jesse fosse qualcosa di troppo difficile e irrealizzabile, e in alcuni casi addirittura una cosa non giusta. Posso capire che i temi affrontati all’interno di Il sorriso di Jesse siano molto delicati, ma ho provato una punta di rabbia quando si arriva ad insinuare che Jesse non sia capace di intendere e di capire e che Drew venga quasi accusato di approfittarsi di lui.

Sinceramente penso che troppo spesso, venga rimarcato che Jesse non sia ritardato e non sia stupido. In qualche modo c’è sempre una distinzione tra lui e Drew, differenze che vengono accentuate in particolar modo dalle loro famiglie o dai colleghi di Drew, che inizialmente non vedono di buon occhio la loro relazione. Drew è una persona affettuosa e dolce, dimostra il suo amore per Jesse in ogni pagina, e ho adorato la sua sensibilità e la semplicità con il quale affronta le difficoltà di Jesse. A volte la situazione diventa un po’ più dura, ma è sempre pronto a prendersi cura di Jesse, chiedendo aiuto quando necessario e preoccupandosi di dargli il meglio e di renderlo felice.

In ogni pagina di Il sorriso di Jesse si percepisce tutto l’amore che provano l’uno per l’altro. Jesse è di una dolcezza unica e strabiliante, quella dolcezza pura e innocente, e l’ho adorato fin dall’inizio. Ha una sensibilità e un rapporto di amore puro con gli animali che trovo adorabile e spesso ho provato una forte tenerezza nei suoi confronti e una grande empatia, tanto che spesso avrei voluto abbracciarlo o consolarlo anche io insieme a Drew nei momenti più difficili.

 Jesse non è un bambino e generalmente si comporta come tale, ma lui trova che la sua trasparenza e la sua innocenza ispirino tenerezza. Ha pensato più volte che al mondo potrebbero servire più persone come Jesse.

Il nostro insegnante di Il sorriso di Jesse, però, ha dovuto chiudere una relazione che lo ha segnato. Il suo ex, David, che ammetto di detestare con tutto il cuore, è un alcolista e dipendente dall’uso di droghe. Che cosa succederà quando l’ex di Drew farà di nuovo la sua apparizione

Cari lettori e care lettrici, per scoprirlo, dovrete leggere assolutamente questo romanzo. Solo dopo averlo letto, potrete capire il mio profondo sentimento di rabbia verso questo personaggio. Oltre alla mia rabbia verso David, devo ammettere di aver trovato un po’ troppo invasive e ficcanaso le famiglie di Drew e Jesse. Posso capire che il primo pensiero di un genitore, ancor di più magari di una madre, sia quello di proteggere il figlio da qualsiasi male e a maggior ragione da un cuore spezzato. Ma Jesse e Drew sono entrambi adulti e sono talmente innamorati che vi faranno venire gli occhi a cuoricino.

Tra questi ultimi citati, un grandissimo punto va a favore del padre di Jesse, Ray, per me l’eccezione rispetto agli altri genitori. L’ho trovato un personaggio equilibrato, quasi come se fosse la ragione e la pazienza fatta persona. Capisce bene suo figlio e il suo bisogno di essere indipendente da loro e di voler vivere la sua vita ed essere felice con Drew. Un po’ meno punti hanno guadagnato, invece, la madre di Jesse e i genitori di Drew, ma alla fin fine, dopo un lungo cammino si sono fatti perdonare.

 … guarda le due coppie davanti a sé. Una preoccupata per un figlio a cui sono state negate molte opportunità, l’altra preoccupata per un figlio che le ha avute tutte. Entrambe preoccupate che i propri figli possano non riprendersi da qualsiasi evento abbia avuto luogo.

La cosa che ho adorato di più della lettura di Il sorriso di Jesse, è stata proprio quella di seguire i protagonisti passo per passo verso il loro lieto fine. Ovvero, di seguire la loro evoluzione come coppia, che cresce, matura, affronta litigi o difficoltà insieme e ne esce più forte e più salda di prima. Consiglio la lettura di Il sorriso di Jesse a chiunque voglia leggere un romanzo pieno d’amore, di dolcezza, di riferimenti nerd, ma sempre con la consapevolezza della delicatezza dei temi affrontati. Il loro viaggio è lungo e con molti ostacoli… siete pronti ad affrontarlo insieme a loro? Jesse e Drew hanno tantissimo da raccontarvi, ma soprattutto, tanto amore da esprimere e tanta sensibilità da diffondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *