Il morso dell’inverno di Lily Archer

Il morso dell'inverno

Titolo: Il morso dell’inverno
Serie: Fae’s captive Series #3
Autore: Lily Archer
Genere: Paranormal Romance
Narrazione
: Prima persona, Pov alternato
Tipo di finale: Cliffhanger
Data di pubblicazione: 22 Novembre 2019
Editore: Grey Eagle Publications
Trama: Le Pianure Rosse sono infuocate. Ma il mio re fae lo è di più. Siamo stati catturati da un bellicoso gruppo di guerrieri Vundi. Sembrerebbe terribile, no? Ma ci trattano come se fossimo loro ospiti e stanno iniziando a piacermi nonostante la continua minaccia di consegnarmi al re oltre la montagna.

Sto ancora cercando di raggiungere il Regno d’Inverno e trovare un modo per tornare a casa… finché la sacerdotessa Vundi mi rivela che potrei essere molto più legata al mondo fae di quanto immaginassi. Inoltre, Leander sa benissimo quali tasti premere per farmi ardere dal desiderio. La mia risolutezza sta cedendo su tutti i fronti, ma la cosa peggiore è che mi rendo conto che il pericolo è più vicino di quanto pensassi.

Attenzione! La recensione contiene spoiler dei precedenti volumi: Prigioniera dei fae e Verso l’inverno.

Il morso dell’inverno, terzo volume per la storia dell’umana Taylor e Leander, il Re dei Fae d’Inverno.
Il viaggio nelle Pianure Rosse si rivela più difficile di ciò che entrambi avevano preventivato. L’incontro con il gruppo di guerrieri Vundi doveva essere solo l’ennesimo ostacolo da superare prima di raggiungere il confine, ma così non è stato.

I Vundi sono un popolo apparentemente pacifico, ma le condizioni in cui riversa la loro terra ha portato alcuni gruppi a prendere in mano la situazione e attaccare chiunque passi per le Pianure, a rubare le scorte e le ricchezze.
E così, ben presto, il nostro gruppo si ritrova circondato dai Vundi, con Taylor e Beth nelle mani del nemico. La ragazza, però, nasconde delle doti uniche e proprio grazie a lei incontrano i capi del popolo Vundi, creando un’alleanza apparentemente improbabile e complicata, ma che garantisce ad entrambi i popoli – sia Vundi che fae del Regno d’Inverno – una stabilità.

Durante l’incontro, Taylor avrà modo di parlare con la sacerdotessa Vundi, uno dei fae più longevi esistenti, e scoprirà di più su se stessa e su ciò che potrebbe accadere al regno fae, ma non solo.
Capirà, anche, di più sulle rivelazioni fatte dalla strega Selene, ma lgli interrogativi non diminuiranno; al contrario parlare con la sacerdotessa porterà a galla nuove verità e altre domande, a cui trovare risposta non sarà affatto semplice.

Taylor, infatti, è molto più legata al regno dei fae di quanto avesse immaginato. Lei potrebbe essere la chiave per attivare la profezia, una profezia pericolosa che preannuncia solo altro dolore e morte.
Scappare dal mondo fae le sembra ancora la soluzione più giusta, ma giorno dopo giorno il legame nato tra lei e Leander si fa sempre più intenso e la stessa Taylor mette in dubbio i suoi stessi desideri più volte.
Sarebbe così male rimanere nel Regno d’Inverno accanto a Leander?
Nel regno umano non c’è nessuno ad aspettarla, a sentire la sua mancanza. AL contrario sente che se scappasse da Leander potrebbe distruggerlo, e perderebbe anche la strana amicizia nata con Beth e Gareth.

Avevo detto che volevo tornare a casa? Tornare nel dormitorio del college a mangiare panzerotti con quella strega della mia compagna di stanza? Perché adesso, non voglio di tutto ciò. Voglio il fae che ho di fronte. Quello che si è messo completamente a nudo, sia dentro che fuori.

Il nemico, il Re oltre la Montagna, le da la caccia. La vuole. Leander ha giurato che nulla avrebbe mai ferito Taylor, ma è una promessa che può davvero mantenere?

Potrei paragonare la Fae’s captive Series di Lily Archer ad una serie tv; ogni nuovo capitolo di questa serie è come un nuovo episodio.
Dividere un libro in 4 novelle piuttosto che farne uno singolo è una scelta che potrebbe non piacere a tutti, soprattutto perché va considerata una cosa davvero importante: ogni libro finisce con un enorme cliffhanger.
Il fiato in sospeso, il cuore che accelera e la curiosità che ti divora… queste sono solo alcune delle sensazioni che si provano durante la lettura di un libro che finisce con questo tipo di finale.

Il morso dell’inverno ha sicuramente un ritmo più serrato rispetto al libro precedente e poter leggere di una Taylor più matura e consapevole ha reso la lettura maggiormente piacevole e accattivante. Tra le pagine ho ritrovato quelle sfumature che amo dei Paranormal Romance, qualcosa che mi manca sempre quando leggo libri appartenenti ad altri generi letterari.
Loro sono il mio punto debole e, anche se non condivido appieno la scelta di Lily Archer di dividere il libro in novelle, ammetto che questa storia ha molto potenziale. A questo punto la domanda è: cosa succederà nell’ultimo libro di questa serie?

       

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *