Hoarfrost

Hoarfrost di Jordan L. Hawk

HoarfrostTitolo: Hoarfrost
Serie: Whyborne & Griffin #6
Autore: Jordan L. Hawk
Titolo originale: Hoarfrost
Genere: Paranormal Romance con tratti storici, LGBTQ, Gay Romance
Narrazione: Prima persona, Pov Alternati (Whyborne & Griffin)
Pagine: 315
Tipo di finale: Aperto
Data di pubblicazione: 20 Gennaio 2020
Editore: Triskell Edizioni
Link per l’acquisto: https://amzn.to/2XAbBLA

Trama: Lo stregone Percival Endicott Whyborne e suo marito Griffin Flaherty godono di un periodo di pace e tranquillità senza precedenti. Sfortunatamente, la calma è stravolta dall’arrivo di un pacco da parte di Jack, il fratello di Griffin, che ha dissotterrato uno strano oggetto mentre scavava in cerca d’oro in Alaska.

La scoperta di una civiltà sino ad allora sconosciuta potrebbe ravvivare la carriera della loro comune amica, la dottoressa Christine Putnam… o potrebbe ucciderli tutti, se gli indizi di magia nera che riguardano l’artefatto si riveleranno veri.

Insieme a Christine e al suo fidanzato Iskander, Whyborne e Griffin viaggeranno verso i più lontani anfratti dell’Artico per impedire a un’antica minaccia di reclamare la vita del fratello di Griffin. Ma nel duro campo di minatori di Hoarfrost, i segreti corrono rapidi come una tempesta di neve e Whyborne non è l’unico stregone attratto dalle voci di presenze magiche. Nella natura selvaggia fatta di ghiaccio e pietra, Griffin deve affrontare la sua più grande paura… o perdere tutti coloro che ama.

Attenzione: questa recensione contiene degli spoiler sui volumi precedenti della serie.

Accidenti… se Stirpe (recensione qui) mi ha strabiliata e affascinata, di certo non ero in nessun modo preparata a quello che accade in Hoarfrost. Sesto volume della serie Whybrone & Griffin, scritta da Jordan L. Hawk e pubblicato da Triskell Edizioni, contiene nuove avventure coinvolgenti, quindi preparatevi ad affrontare il gelo dell’Alaska!

Dopo un periodo di relativa tranquillità, Whyborne e Griffin vedono infrangere la calma della loro vita matrimoniale, quando giunge un pacco da parte del fratello maggiore di Griffin, Jack. Quest’ultimo, rintracciato dopo lunghe ricerche dal fratello, lavora in Alaska come cercatore d’oro e, durante uno scavo, ritrova un monumento misterioso.

Così, non esita ad inviare una lettera a Griffin, con un frammento di quel misterioso oggetto contenuto nel pacco, spiegandogli del ritrovamento. Whyborne, però, è tutt’altro che affascinato da questa scoperta e i simboli sconosciuti incisi sopra l’oggetto, non promettono proprio nulla di buono.

Quando i due amanti condividono le novità con i loro amici, la dottoressa Christine Putnam e il suo fidanzato Iskander, iniziano le ricerche per scoprire qualcosa in più a riguardo. Ma il fascino della scoperta di una nuova civiltà sconosciuta che potrebbe aver dato forma a quel monumento e ad una forma di comunicazione, è troppo allettante per Christine.

Naturalmente, l’archeologa la vede come una scoperta unica, rara e che non può in nessun modo farsi scappare. Whyborne, però, è convinto che dietro quei simboli, si nasconda una magia oscura e anche i testi che consulta, non fanno che confermare le sue sensazioni.

Christine aveva dedicato tutto il suo tempo a scrivere la storia completa della Sesta Dinastia. Dovevo immaginare che avrebbe desiderato tornare sul campo per provare ancora una volta il brivido della scoperta. «Ma se la magia è veramente coinvolta, potrebbe essere pericoloso.»

«E allora cosa stiamo aspettando?» esclamò. «Dobbiamo andare in biblioteca e scoprire se questo rianimerà la mia carriera, o se ci ammazzerà tutti nel tentativo di farlo.»

Convinto a voler aiutare il fratello di suo marito, che corre un grave pericolo, i quattro amici organizzano una spedizione per raggiungere Jack e il campo di Hoarfrost. E che la nuova avventura abbia inizio, miei cari Colours…

Preparatevi per questo viaggio. Le insidie, le sorprese e i tradimenti sono dietro l’angolo. Di nuovo, ogni pezzo andrà al suo posto e tutti i nodi torneranno al pettine. Ma ricordate che a volte, le apparenze possono davvero ingannare.

Se leggendo i volumi precedenti sono sempre rimasta incantata da questo mondo, più continuo ad addentrarmi e più è difficile uscirne davvero. Per nessuna ragione avrei voluto lasciare Whyborne, Griffin, Christine o Iskander.

Proprio grazie all’abilità unica di Jordan L. Hawk di coinvolgere e intrappolare il lettore all’interno della storia narrata, non riuscivo a staccare i miei occhi dalle pagine di Hoarfrost. Dovevo assolutamente continuare a leggere, assetata di conoscenza, nonché di vendetta, per sapere cosa sarebbe successo.

Hoarfrost è una sorpresa e un colpo di scena dopo l’altro, credetemi. E la novità più bella? Il punto di vista di Griffin… oh cielo, Griffin Flaherty. Leggere la sua mente, le sue emozioni, i suoi sentimenti per Whyborne e come reagisce alle nuove sfide è strabiliante.

«Sei così bello,» sussurrai.
«Ecco la conferma,» esclamò Christine. «Il suo cervello ha subito dei danni.»
«Christine!» scattò Whyborne, con le sopracciglia aggrottate. 

Ho amato alla follia il doppio pov di Griffin e Whyborne, e ammetto che non mi dispiacerebbe in futuro leggere anche quello di Christine, sono sicura che mi farebbe morire dalle risate.

Inutile dire, di nuovo, che amo alla follia Whyborne e Griffin, come coppia, come persone e come unica e sola anima. Il loro amore è più forte e si percepisce sempre più in ogni libro di questa magnifica serie. Entrambi sono personaggi che entrano nel cuore per il loro carattere, per i loro pregi e difetti. Ma, soprattutto, li amo per il loro buon cuore e per la speranza che non li abbandona mai.

Ogni libro che leggo, mi sento più vicina a loro, sempre più coinvolta e innamorata e, anche in Hoarfrost, non ho potuto non farmi travolgere dalle mie emozioni. Tristezza e amore mescolati insieme, curiosità e sospetto; rabbia, furia e isteria, addirittura. Per finire con un grande stupore, e ovviamente, speranza. Hoarfrost è davvero un mix di queste sensazioni che ho provato durante la lettura.

Personalmente, temo e non vedo l’ora, allo stesso tempo, di leggere il prossimo volume di Whyborne & Griffin dal titolo Maelstrom.

Naturalmente consiglio la lettura della serie Whyborne & Griffin a partire dal primo volume, in quanto sono tutti collegati. E se siete giunti fino a Stirpe e non avete ancora letto Hoarfrost, cosa state aspettando?

Ringrazio la Triskell Edizioni per aver fornito la copia ARC in cambio di una onesta recensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *