Fighting Silence

Fighting Silence: Incontro con il silenzio di Aly Martinez

Fighting SilenceTitolo: Fighting Silence: Incontro con il silenzio

Titolo Originale: Fighting Silence

Autore: Aly Martinez

Serie: On the Ropes Vol. 1

Genere: Sport Romance (Autoconclusivo)
Narrazione
: Prima persona, POV alternati (Till e Eliza)

Tipo di Finale: Concluso

Temi Affrontati: Disabilità, abbandono e violenza.

Editing: Molto buono
Data di pubblicazione
:  22 agosto 2019
Editore
: Triskell Edizioni
Trama:

Per la maggior parte delle persone, il silenzio è un concetto astratto.

Passiamo la vita a bloccare qualsiasi interferenza esterna, per concentrarci su ciò che riteniamo davvero importante. E se invece, quando il silenzio oscura la chiarezza, quell’oscuro rumore di sottofondo fosse l’unica cosa a cui aggrapparsi?
Sono sempre stato un combattente, un lottatore.

Figlio di genitori che a stento riuscivano a stare fuori di prigione e con due fratelli più piccoli che per miracolo hanno evitato i servizi sociali, sono diventato un esperto nello schivare i pugni che la vita cercava di assestare.

Mentre crescevo, non ho mai avuto nulla da poter chiamare mio, ma dall’istante esatto in cui ho messo gli occhi su Eliza Reynolds, lei è sempre stata mia.

Sono diventato dipendente da lei e dalla sua capacità di fornirmi una fuga dalla realtà. Negli anni, lei ha avuto ragazzi e io ragazze, ma non c’è stata una sola notte in cui non abbia sentito la sua voce.
Vedete, incontrare l’amore della mia vita a tredici anni non ha mai fatto parte dei miei piani. Ma dopotutto, neanche diventare sordo a ventuno. Ma entrambe le cose sono successe comunque.
Ora, mi trovo sul filo del rasoio in una delle battaglie più difficili che abbia mai affrontato.

Lottare per la mia carriera Lottare contro il silenzio incombente Lottare per lei

Esordio italiano, grazie alla Triskell Edizioni, per l’autrice oltreoceano Aly Martinez, con una serie che sarà capace di rubare il vostro cuore fino a ridurlo in un muscolo palpitante dove i battiti mancati saranno innumerevoli.

Era dai tempi di Archer’s Voice che non mi imbattevo in una storia così dolce, dolorosa e passionale.

Ah e per la cronaca, Archer’s Voice, è uno dei miei libri preferiti di tutti i tempi e ringrazio pubblicamente Marika per avermene regalata una copia per Natale.

Ma torniamo a noi o meglio, a Fighting Silence, il primo capitolo della serie On the Rope alla storia dei suoi protagonisti.

La vita non è mai stata semplice per Till, Flint e Quarry Page: quello che hanno conquistato nel tempo è sempre stato solo frutto dei loro sacrifici.

Il primo protagonista di cui vi parlerò è Till, il maggiore dei tre, un bambino maturo, responsabile che, cucina, paga le bollette, protegge e tiene lontano dai fratelli più piccoli gli assistenti sociali.

I suoi fratelli sono tutto per lui, la sua intera esistenza è dedicata a loro e quando apprende una notizia sconvolgente, con le lacrime agli occhi, fugge.

Eliza Reynolds è solo una tredicenne quando, per la prima volta, vede entrare dalla finestra di una casa abbandonata poco distante da casa sua Till Page.

Entrambi, sono accomunati da dei genitori pessimi, troppo impegnati a litigare o a rifarsi le unghie che prendersi cura dei loro figli.

Quella casa abbandonata diventa ben presto il loro paradiso, il loro porto sicuro lontano dai problemi della vita, dove Eliza disegna – tanto da essere soprannominata Doodle “scarabocchio”– e Till rifugge dal futuro che lo aspetta, un futuro che lo vede “andare incontro al silenzio”.

Scoppiò a ridere. Dio, amavo così tanto quel suono. Sapevo che non sarei mai più stato lo stesso il giorno in cui il silenzio me lo avesse portato via. Avrei rinunciato a tutti i suoni del mondo per poter tenere la sua risata. Ma la mia vita non funzionava in quel modo.

Tra quelle quattro mura sporche e malconce, si instaura una splendida amicizia ma che, al di fuori di esso, li vede come dei completi sconosciuti. Till, finge di non conoscerla e Eliza asseconda il volere del ragazzo.

Più il tempo passa e più il loro rapporto cresce e ogni sera, attraverso quella finestra, la realtà lascia il posto alla fantasia, creando qualcosa di magico.

«Vuoi sapere una cosa figa?» intervenni, per farlo smettere di parlare. «Sì!» «Quella finestra è magica.» «Nooo.» Non ci poteva credere, ma si fermò e si voltò a guardarmi. «Davvero. È un portale magico che ti porta in un mondo fantastico. Non ci sono genitori o insegnanti. Tutto è sempre bello e pulito, e il frigo è sempre pieno. La parte migliore, però, è che lei è sempre lì.» «Anche lei è magica?» sussurrò con occhi spalancati. Ci pensai per un secondo prima di rispondere. Eliza era magica? Lo è per me. «Assolutamente.»

Quando Till si imbatte in un programma di doposcuola alla palestra On The Ropes , non può perdere l’occasione per entrarci, soprattutto quando scopre che a gestirla è niente meno che Slate “La silenziosa tempesta” Andrews, una leggenda senza tempo.

Non può permettersi un abbonamento, ma svolgendo le pulizie negli spogliatoi, potrebbe allenarsi senza spendere un centesimo e farsi notare dalle persone che contano nel mondo della boxe.
Proprio quando Eliza pensa a costruire il proprio futuro al college e andare a vivere da sola, Till, per accudire i fratelli, perde l’anno e rimane indietro, guardando la sua amica allontanarsi.

Till non ha futuro, è uno squattrinato con due fratelli di cui prendersi cura e, nonostante sia follemente innamorato di Eliza deve lasciarla andare, la realtà l’aspetta mentre lui la teme, come teme entrare dalla porta.

Per questo fugge, fugge da Eliza, dalla sua anima gemella ma soprattutto dai sentimenti che lui stesso prova e che lei ricambia.

Il loro rapporto d’amicizia è troppo importante per rischiare di essere rovinato da una relazione.

Arretrò appena e il suo sguardo s’infiammò subito nell’istante in cui lo abbassò sulle mie labbra. Eliza mi guardava sempre così e, anno dopo anno, stava diventando sempre più difficile trattenermi dal baciarla, dal toccarla, dal rivendicarla. Ma sapevo che, se lo avessi fatto, alla fine l’avrei persa. Le relazioni non funzionavano, al liceo. Sarebbe successo qualcosa, ci saremmo lasciati, e alla fine l’avrei persa del tutto. Avevo un così disperato bisogno di lei che non potevo correre quel rischio.

E questo, non può fare altro che spezzare il giovane cuore della ragazza.

Riuscirà Eliza a far percorrere a Till quel passo in più oltre la soglia?

«La sai che ho una porta, vero?» Scoppiò a ridere. «Sì, lo so, Doodle.» «Uhm… e perché non la usi?» Mi fissò per qualche secondo attraverso la finestra, prima di rispondere. «Perché ho paura che cambierebbe tutto.»

E Till metterà da parte la paura e affronterà quello che il destino ha in serbo per lui?

Fighting Silence

Cari Colours, da quanto tempo aspettavo una trama simile, Fighting Silence è una storia forte, angosciosa, a tratti triste ma allo stesso tempo dolce, romantica e passionale.

Soffrirete con Eliza e Till, spererete per loro e per il loro futuro insieme, imprecherete per i loro momenti down, esulterete per quelli up. La loro vita è sempre stata complicata e il futuro incerto per entrambi.

Due personaggi perfetti nelle loro imperfezioni, legati da un sentimento puro, ancestrale, viscerale. UNICO!

Sono solo bambini quando si conoscono, quando si innamorano perdutamente l’uno dell’altra, diventando l’una il pezzo mancante dell’altro, nello stesso istante in cui hanno incrociato i loro sguardi per la prima volta.

Aly Martinez, con il suo stile fluido e diretto, è stata capace di farci innamorare perdutamente di loro.

Ho amato Eliza e credo che lei sia una delle eroine più cazzute lette fino ad oggi. Non si abbatte, non si lascia sconfiggere e non si perde mai d’animo.

Al contrario Till, a causa dei suoi mille problemi è più frenato, non saprei se più sognatore o più realista. Fatto sta che è adorabile!!

Non avevo mai avuto qualcosa da poter chiamare mio, ma Eliza Reynolds sarebbe stata mia per sempre.

Ho amato tutto di loro, come ho amato i personaggi secondari di questo primo capitolo della serie: Flint e Quarry – che poi saranno i protagonisti dei prossimi volumi –.

Nell’epilogo, l’autrice, ci anticipa già quello che dovranno affrontare ancora una volta i Page.

Per fortuna, Fighting Shadow, è già uscito negli store, quindi, non dovrete aspettare per poter leggere la storia di Flint. In ogni caso, fra qualche giorno uscirà la mia recensione della sua storia e vi invito calorosamente a leggerla.

Consiglio Fighting Silence?

 

  • Amate gli Sport Romance ambientati nel mondo della boxe
  • Cercate due protagonisti reali, con le loro difficoltà, problemi e sentimenti
  • Volete passione, dolore, gioia, paura, terrore e tanto tantissimo amore

Beh Fighting Silence è il libro di cui avete bisogno.

Sì sì ho detto proprio bisogno, perché chiunque, almeno una volta, dovrebbe leggere questo splendido romanzo.

Per me è, e rimarrà sempre, Indimenticabile.

Buona Lettura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *