Fayness, Ti vedo

Fayness Ti vedo di E.S Carter

Fayness, Ti vedo

Titolo: Fayness Ti vedo
Serie: L’Ordine Rosso #1, Autoconclusivo
Autore: E.S Carter
Genere: Dark Romance con una punta di Paranormal
Narrazione
: Prima persona, Pov alternato
Data di pubblicazione: 5 Settembre 2019
Editore: Hope Edizioni
Trama: Ti vedo. Vedo la tua anima. Vedo ogni tuo peccato.
Vedo la tua aura intrisa di sangue e di malvagità.

La maggior parte delle persone sono intrinsecamente o buone o cattive. Qualcuno sta in bilico fra luce e oscurità. Pochi riescono a cambiare il colore della loro essenza: è una lotta che solo i più forti possono vincere. Lui è l’oscurità.
Un male così puro che la sua anima è nera, eppure ne sono attratta come una falena lo è dalla fiamma.
Ci sono giorni in cui mi sembra di affogare, le ondate dei miei sentimenti mi rubano l’aria dai polmoni. Altri giorni non provo niente, sono vento e come il vento volo. Non so cosa sia peggio: annaspare in cerca d’aria o morire per questa sete. Si può imparare a respirare sott’acqua, quando si trova qualcuno per cui valga la pena annegare?

Avvertenze: Fayness Ti vedo è un romanzo dark autoconclusivo. I lettori sensibili potrebbero voler fare un passo indietro. Fatelo, questi contenuti non sono adatti a voi. Ai lettori a cui piace danzare sul lato oscuro: accomodatevi e godetevi il viaggio.

Poteva, un’amante dei dark come me, resistere a questo libro? Le avvertenze parlano chiaro. Quanti di voi amano leggere storie al limite della morale? Quanti amano camminare sul ciglio di una scogliera, sapendo che sotto c’è solo l’oscurità, e hanno il coraggio di buttarsi?
Quando ho iniziato a leggere il prologo ho capito che avevo una sola opzione: buttarmi.
E così ho fatto. Ho iniziato e finito Fayness Ti vedo in una manciata di ore, con il battito accelerato e il fiato sospeso dall’inizio alla fine.

“Le grandi aziende premiano i migliori impiegati con soldi, vacanze, promozioni e privilegi. Mio padre premia il suo assassino migliore con tutte queste cose e anche di più. Ottiene me. La sua unica figlia.
Stasera, Cole Hunter mi prenderà come ssua legittima sposa. Stasera, mio padre avrà finalmente il figlio che ha desiderato per tutta la vita. Da stasera io non sarò più me stessa.
Sarò una proprietà. Perderò il nome Faye Craven e diventerò una Hunter.
Il nome più adatto sarebbe preda.”

Faye potrebbe essere definita una giovane donna, in base alla sua età anagrafica. In realtà è una donna in tutto e per tutto. È stata costretta a crescere improvvisamente quando sua madre è morta, e a sopportare la vita con un uomo potente, influente e a capo di un ordine segreto che comanda ogni cosa in Gran Bretagna: L’Ordine Rosso.
Suo padre potrebbe essere definito un uomo ma, in realtà, è solamente un sadico perverso, che ama infliggere dolore, avere il controllo su tutto e tutti e umiliare chiunque osi guardarlo storto.
Faye non ha mai vissuto davvero, ha sempre dovuto combattere per la propria vita, obbedire agli ordini di chi l’ha messa al mondo senza possibilità di scelta. E ora deve sposare il braccio destro di suo padre, l’uomo che si occupa di regolare i conti in sospeso, che vive nel sangue e ne trae piacere: Cole Hunter.

“Lei mi odierà. Potrà anche essere solo un pedone in questa partita, un mezzo per uno scopo, ma è mia e mi godrò ogni secondo del suo annientamento. Sarà il giusto antipasto alla caduta di un Re.”

È così che inizia Fayness Ti vedo. Con un matrimonio che non è altro che una transazione d’affari tra due uomini potenti. Cole, inoltre, non è solo un killer. Ama la paura, la caccia, l’attesa per ottenere ciò che vuole. Faye sa di non avere alcuna possibilità di scappare dall’uomo a cui è stata donata in sposa, perché lei non è altro che un regalo, un oggetto per il divertimento di Cole.
Cosa rimarrà della donna che è, quando Cole avrà finito con lei?

Faye non dovrebbe sentirsi attratta dall’uomo. Eppure non riesce a resistergli davvero, nonostante sappia bene che tipo di vita conduce.
La sua certezza che Cole sia un uomo pericoloso non deriva dal sentito dire, ma da ciò che la ragazza riesce a vedere attorno a lui. La sua anima nera.
Quando la madre di Faye è morta, la ragazza era in macchina con lei e da quel giorno riesce a vedere l’essenza delle persone, a distinguere le loro emozioni in base al colore che questo bagliore assume.
E Cole è arrabbiato, potente e letale.
Dovrebbe stargli lontana, cercare di scappare e salvarsi, ma questo non è ciò che lei davvero desidera.

“Voglio obbedire a quest’uomo. Ho bisogno di compiacerlo e non solo perché temo la sua rabbia, ma perché in qualche modo mi ha legato a sé. In un modo malato e perverso bramo la sua approvazione. Desidero essere toccata, che sia in modo dolce o duro.”

Lei è luce, innocenza, purezza. Lui è l’esatto contrario.
Eppure l’attrazione non è l’unica cosa che sentono, che li lega.
Cole è un killer, ma c’è del giusto nelle sue azioni.
Faye è buona, ma nasconde un lato oscuro.
Due opposti che dovranno fare i conti con ciò che provano, con quello che desiderano e che dovrebbero volere.
La vita è fatta di scelte. Chi sceglierà Faye, alla fine?
Sé stessa, oppure si butterà giù dalla scogliera dell’amoralità insieme a Cole?

Potrei parlarvi per ore di Fayness Ti vedo, ma l’unica cosa che posso consigliarvi è di smettere di fare tutto ciò che state facendo e leggere questo libro. Fatelo, non ve ne pentirete. Fatelo se amate le storie forti e intense, oscure e piene di amoralità, perché è di questo che stiamo parlando.
Ci sono momenti in cui vi si spezzerà il cuore, vi sentirete spettatori impotenti della perversione di un uomo che gode della sofferenza altrui. Lo stesso rapporto tra Faye e Cole non è giusto, non è pieno d’amore e rispetto, fiducia e sicurezza. È un enorme punto interrogativo capace di farvi sospirare e anche imprecare, oltre a farvi rabbrividire per la paura e l’incertezza.

“Questa donna è bellissima. Questa donna è mia. Posso aver desiderato di spezzarla, e lo vorrei ancora, ma oltre a questo voglio anche guarirla. Quanto sono incasinato? Come potrebbe uno come me, rotto, perverso, orrendo, pensare di guarire qualcuno come lei?”

Si dice spesso che le notizie negative spaventino, ma personalmente è il non sapere a spaventarmi di più. Quel limbo in cui ti chiedi cosa succederà, se i buoni vinceranno o prevarranno i cattivi. E.S Carter ha scritto un libro capace di tenerti costantemente incollato alle pagine, oltre che costantemente in quel limbo.
Cole è un personaggio che ho amato tantissimo. Più leggevo, più scoprivo lati del suo carattere capaci di conquistarmi. E se c’è una cosa che ho davvero apprezzato in lui è la sua sincerità. Lui è ciò che è, agisce come crede e non si nasconde dietro un dito. Non ha paura di far sapere ciò che vuole e poi prenderselo.

“La speranza è una cosa malata. Sperare è persino più disgustoso che ammettere che il mostro davanti a me mi eccita.”

Faye è stata una scoperta. Mi aspettavo la solita protagonista pronta a piangersi addosso, a tramare nell’ombra pronta a tradire. Lei, invece, è tutto l’opposto. Il suo dono l’aiuta a capire le persone, ma la forza interiore che nasconde è stupefacente. Non cede davanti allo sguardo di un uomo che potrebbe ucciderla in meno di un battito cardiaco. Vuole ottenere vendetta per ciò che ha passato e non le importa di cosa dovrebbe essere moralmente corretto, a lei importa solo della giustizia ed è disposta a tutto per ottenerla.

“Pensavo che il mio scopo fosse la vendetta. E lo è stato, finchè i miei occhi si sono aperti a qualcos’altro, qualcosa di meglio. Un rifugio. Lei era mia, e io ero suo.”

Fayness Ti vedo, è uno di quei libri che chi ama i veri Dark Romance non può proprio farsi scappare.
Quello che posso criticare al libro è la brevità. Avrei voluto leggere qualcosa in più del rapporto tra Cole e Faye, e penso che l’autrice avrebbe potuto scrivere molto altro su di loro, soprattutto in seguito a un certo fatto ma… non mi resta che aspettare il secondo capitolo, che avrà come protagonista un altro personaggio interessante: Grim.

   

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *