Escape di Elisa Gentile

Escape di Elisa Gentile

EscapeTitolo: Escape

Autore: Elisa Gentile

Serie: Lovers #3

Genere: Erotic suspence (Autoconclusivo)
Narrazione
: Prima persona, POV alternati (Lexy e Blake)

Tipo di Finale: Concluso

Temi Affrontati: Violenza, Alcolismo e Stupro

Editing: Molto buono
Data di pubblicazione
: 29 Febbraio 2020
Editore
: Self Publishing
Trama:

Tutto diventa senza dimensione. Siamo solo io e lui, Lexy e Blake, due perfetti sconosciuti, quelli che sono finiti a letto insieme non così tanto ubriachi da non poterselo ricordare il giorno dopo, ma sufficientemente incazzati l’uno con l’altra per ricascarci.

Lexy Taylor è sempre stata troppo impegnata a impersonare la ragazza facile per sapere che boato faccia un’anima vuota; è sempre stata la seconda scelta di chiunque. È sempre stata niente, sebbene volesse tutto.
Finire in un guaio più grande di lei, all’improvviso, con una pistola puntata sotto il mento, le fa sentire il fischio nelle orecchie, il boato nell’anima, il bisogno di capire che rumore faccia una vita vissuta come non si dovrebbe fare.
E le porta davanti lui, Blake, l’uomo che dovrà proteggerla – anche a costo della propria vita.

Innamorarsi per restare. Innamorarsi per non andarsene mai più.

Quarant’anni. Un matrimonio fallito. Una grossa cicatrice a deturpargli il braccio: ecco chi è l’Agente Scelto Blake Edward. Un uomo tutto d’un pezzo. Riservato. Disperato. Spietato. Deluso. Lui è l’unica via di salvezza per Lexy, se solo lei non fosse l’àncora in grado di trascinarlo a picco.

Scappare. Perché? Perché devo.

Lui deve portarla in salvo. Isolarla. Imprigionarla.

«Non farmi sentire il casino che stiamo facendo, Lexy».

Soli, assieme all’oceano, spaventata lei, rabbioso lui. Innamorarsi è la cosa più facile da fare, quando si è vittima e salvatore, quando le notti sono interminabili e il bisogno di stringersi diventa un pensiero assillante.
Quando, lasciandosi andare, non si è consci del pericolo a cui si va incontro. Del tormento. Dell’amore disperato. Dei sentimenti incontrollati…

Mi fa ritrovare la ragione, in mezzo alla follia.
Restare, sarebbe l’inizio di una fine annunciata.

Copia ARC inviata gratuitamente da… in cambio di una recensione onesta e sincera

Dopo Suddely e Rescue Me, torna Elisa Gentile con un nuovo capitolo della Serie Lovers dal titolo Escape.

Ricordate Lexy, l’ex ragazza di Douglas – protagonista di Suddenly – ?

Dite la verità, non l’avete un po’ odiata nei primi due capitoli della serie?

Beh ed adesso, con una storia interamente dedicata a lei ed alla sua storia d’amore pensate di riuscire a vederla con un occhio diverso?

Per scoprirlo, non resta che catapultarci tra le pagine di Escape.

Io, qui di seguito, vi racconterò solo una breve parte di quello che ci troverete.

Alexandra “Lexy”Taylor è una ventenne bellissima, sexy da togliere il fiato che non perde occasione per attirare ogni attenzione su di sé.

Arrogante, viziata, petulante.

Così si mostra agli occhi di tutti, nulla traspare di quanto si nasconda al suo interno, lo splendido involucro è l’unico suo aspetto che permette di ammirare.

Ed è un meraviglioso “guscio”, in un abito di Fendi  che assiste al “per sempre” del ragazzo per cui batte il suo cuore e la sua “Sciacquetta” – così definisce la nostra Joss -.

Resistere un minuto di più a quel supplizio è impossibile per lei, deve allontanarsi, scappare e per non cadere nel pianto e nell’autocommiserazione decide di non andare direttamente a casa ma di fermarsi in un locale a bere qualcosa in compagnia delle sue amiche.

Poi, un colpo di pistola, il corpo di un giovane esanime a terra ed un uomo viscido e mostruoso oscurano la sua vista e accelerano il suo battito cardiaco.

Una minaccia e dal nulla si trova testimone di un efferato omicidio. Un omicidio che cambierà profondamente la sua vita, costringendola all’isolamento e alla protezione dei testimoni in un luogo sperduto in compagnia di un uomo a lei completamente sconosciuto.

Lui è Blake Edward, l’Agente Scelto Blake Edward.

Un uomo tutto d’un pezzo di quaranta anni, un uomo spezzato, danneggiato nel corpo e nell’anima.

Lasciato dalla moglie a causa della sua dipendenza dall’alcol nel momento in cui aveva più bisogno di lei.

Il suo lavoro è l’unica cosa ormai rimastagli e desidera svolgerlo al meglio senza problemi o intoppi.

«Volevo fare il poliziotto da quando ero un bambino». «Il fascino della divisa?», sghignazza lei, con voce alterata. «Il fascino del potere che ti dà»

Se non fosse che avrà a che fare con una ragazzina come Lexy, una ragazzina che non si rende pienamente conto del pericolo che sta correndo, che non ha paura.

Ed invece lei, in un momento del genere DEVE avere paura, perché la paura, spesso, è l’arma vincente per uscirne vivi.

Il mio tono deve destabilizzarla. Deve avere paura; deve volersi mettere al sicuro. Per tutte queste cose, e anche perché io non devo starle troppo vicino, le do le spalle e mi incammino in mezzo al buio, nel cuore della notte, verso la sagoma bianca della casa che il Capo Jefferson ha deciso come prigione per lei.

Paura per salvaguardare se stessa, per proteggersi e farsi proteggere ma, le uniche cose che Lexy riesce a fare è provocarlo con la sua lingua biforcuta, con il suo abbigliamento sexy e provocante e, solo un Santo, riuscirebbe a resistere e credetemi, Blake è tutto fuorché un Santo.

E la nostra Lexy se ne accorgerà ben presto, nel momento in cui tirerà troppo la corda e provocherà una reazione nell’affascinate Agente Scelto, resistere diventerà impossibile.

Sesso bollente, sporco e sudato è quello che troveremo tra le pagine di Escape.

In un’ambientazione paradisiaca, isolati dal mondo e dal pericolo, intrecceranno le loro vite in una lieson proibita e peccaminosa, dove nulla esisterà a parte loro due.

Escape

Ancora una volta Elisa Gentile, con il suo stile accattivante e fluido, ci ha condotte, attraverso le sue parole, molte pagine, nelle vite di due personaggi insoliti e complessi.

Lexy è orfana di madre da molto tempo e trascurata da un padre che, a lei, ha preferito una giovane sostituta della genitrice e poi, ci sono gli uomini…

Gli uomini l’hanno sempre usata ed abbandonata, lei è sempre stata quella facile, quella che la dà a tutti e facilmente sostituibile.

In realtà, attraverso il suo POV, il lettore finalmente ha una visione a trecentosessanta gradi di quello che è Lexy in realtà: bellissima, sfacciata, giovane, ribelle, coraggiosa e fragile quanto basta da far venire voglia di proteggerla.

Ma lei… lei è diversa. Lei è indifesa, eppure fa la dura Lei è inciampata in mezzo a qualcosa che non la riguardava e sta pagando un prezzo troppo alto Lei, nella sua fragilità, sta trovando la forza immensa di combattere per salvarsi–e lasciarsi salvare.

Ed è questo l’istinto di Blake, proteggerla a rischio anche della propria vita, a rischio di perdere se stesso, perché Lexy è qualcosa di splendido ed impertinente, sensuale e provocante ma anche dolce e confortevole.

Ma rimane pur sempre una sua cliente ed avere un rapporto tra cliente e agente è impensabile.

E poi, hanno venti anni di differenza.

“Piantala, Blake!”. È una vittima, ed è una cliente da proteggere anche a costo della vita. Intoccabile. Inavvicinabile. Impensabile.

Sarà disposto Blake a mettere a rischio la carriera che ama per una ragazzina?

E Lexy smetterà di essere l’eterna seconda scelta di qualcuno?

Sono sempre stata la seconda scelta per chiunque. Mio padre, che per primo mi ha abbandonata per scegliere la donna della propria vita, dimenticandosi di me, degli anni a crescermi e a insegnarmi a camminare e a non alzare troppo la voce–una bambina educata non lo fa!–e fottendosene del dolore che mi marciava dentro come se fosse iniziata una guerra, in me. Poi è stato il turno di un ragazzino dopo l’altro, roba di poca importanza, finché non è arrivato lui: Douglas.

In un mix di scene ad alto tasso erotico, momenti di tensione, istinto di protezione e colpi di scena, ci districheremo tra le pagine di Escape, dove Elisa Gentile mi ha riportato, anche se in poche pagine, indietro nel tempo, da Jayden e Selvaggia – protagonisti della Trilogia delle bugie – ed alla loro storia.

Lexy è bellissima, è come il mare in tempesta, è quell’onda che si adagia alla battigia ma che non sceglie di restarsene lì ferma ad aspettare la propria fine. È impetuosa. È arrogante. Presuntuosa, piena di sé. Coraggiosa, bella, bella, bella, e averla tra le braccia è stato qualcosa che mi cambierà la vita, nonostante io abbia chiuso la faccenda.

Consiglio Escape?

 

  • Avete letto i primi due capitoli della serie e desiderate abbattere ogni preconcetto, conoscendo l’antagonista di Suddenly. In fondo siamo state capaci di amare anche Xander!
  • Amate i protagonisti spezzati, forgiati da una vita dura e per nulla semplice.
  • Cercate un romanzo dalle mille sfumature.

A questo punto che aspettate?

Immergetevi tra le pagine di Escape anche perché per il prossimo capitolo della serie ci toccherà aspettare un po’, quindi gustatevi lentamente questo.

Io ve lo consiglio

Buona Lettura.

Un Beso


Recensioni di Suddenly e Rescue me

EscapeEscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *