Emmeline

Emmeline di Estelle Hunt

Emmeline

Titolo: Emmeline   

Serie:  #1, Amori di Fine Secolo (autoconclusivo)

Autore: Estelle Hunt

Genere:  Historical Romance

Tipo di finale: chiuso

Narrazione:  Terza persona, 

Data di pubblicazione: 21 aprile 2020

Editing: Hope Team

Editore: Hope Edizioni

Link per l’acquisto: https://amzn.to/2KuMZMI

TRAMA:
Inghilterra, 1888

Quando Emmeline Brant partecipa alla sua prima stagione ha solo diciotto anni e tante speranze per il futuro. Tuttavia, neppure nei suoi sogni più segreti avrebbe mai immaginato di suscitare l’amore di Julian Severn, il Marchese di Newbury. L’uomo che da sempre possiede il suo cuore.

Un crudele ricatto costringe Julian a piegarsi alle consuetudini imposte dal suo rango. Tra aristocratici freddi e calcolatori, donne amorali, bugie e tradimenti il loro futuro sembra segnato per sempre.

Devastata dal dolore, Emmeline parte per New York, dove si immerge nel mondo dorato dell’alta società, sperando così di curare il proprio cuore infranto. Grazie alla presenza di donne straordinarie e alla possibilità di un nuovo amore, la felicità sembra di nuovo a portata di mano.

Eppure, il destino non ha finito di giocare con Emmeline e Julian. Richiamata in Inghilterra, Emmeline scoprirà che dietro gli eventi passati si nascondono tremende verità e che l’amore, quando è autentico, non muore mai.

Copia ARC inviata gratuitamente dalla CE in cambio di una recensione onesta e sincera.

Emmeline

La Hope Edizioni ha donato nuova luce ad Emmeline di Estelle Hunt, il primo volume della serie Amori di Fine Secolo, arricchendolo con una cover ammaliante e un editing impeccabile.

Sono particolarmente felice di aver avuto l’occasione di partecipare al Review Party organizzato per questa nuova uscita.

Esistono innumerevoli cose che potrei dire su questo Historical Romance, ma cercherò di concentrarmi solo su quegli aspetti che ritengo utili per prepararvi a ciò che potrebbe accadere nella vostre menti sfogliando queste pagine.

Attraverso una scrupolosa e dettagliata contestualizzazione storica, vi ritroverete dapprima in una Londra di fine ottocento, dove lussi e privilegi, dimentichi di miseria e povertà, sono il centro nevralgico di matrimoni di convenienza, interessi, accordi di affari e comunioni di intenti. 

Poi, approderete, oltreoceano, per ammirare, la nascente città di  New York, già liberale, innovativa e dalle infinite possibilità.

Toccherete con mano, le sontuose stoffe di meravigliosi vestiti e le raffinate porcellane dei servizi da tè.

Sarete anche a contatto con la rigogliosa natura anglosassone, e potrete osservarla persino al galoppo di un fidato destriero.

Ma soprattutto conoscerete dei protagonisti che vi stregheranno.

Emmeline Brant

è una giovane e bella fanciulla, nata e cresciuta ad Andover, tra le campagne della contea dell’Hampshire. Di nobili origini da parte di madre, ma di rango inferiore rispetto ad altri suoi diretti parenti, perché figlia di un semplice proprietario terriero.

Lei è buona, ancora limpida ed innocente, intelligente ma ingenua. Per niente amante degli sfarzi ostentati dalla nobiltà londinese è profondamente legata alla sua famiglia, soprattutto alla sorella minore Anaïs. Proprio con quest’ultima ha l’occasione di condividere la prima partecipazione ad una stagione londinese.

Le due giovani, ospitate da una prozia materna, vengono invitate ai vari eventi ma, essendo ben nota la loro mancanza di titolo, dote e ricchezze, vengono tenute ai margini. 

«Passata la frenesia iniziale, ora non le restava che la consapevolezza di non appartenere a quel mondo e il senso di inadeguatezza che era germogliato in sordina ora la opprimeva come edera velenosa.»

Questo fino a quando non incontrano un loro conoscente d’infanzia: il Marchese di Newbury,

Julian Severn.

L’ultima volta che lo hanno visto erano solo della bambine, ma ad Emmeline basta poco per riconoscere il suo sguardo, il suo sorriso e per rivivere le emozioni che da sempre, l’uomo, riesce a suscitare nel proprio cuore. 

Emmeline viene abbagliata dal fascino di Julian. Del tutto impreparata alle emozioni sconosciute che le suscita, si dimentica persino dell’opprimente sensazione di inferiorità che da sempre le fa considerare il futuro Duca come qualcuno di irraggiungibile.

« “Quelli come lui non si interessano a quelle come noi. Abbiamo una dote ridicola, non portiamo terreni o palazzi, ma solo noi stesse.” »

Julian, subito colpito dalla bellezza di Emmeline, nota la trasformazione che ha reso la ragazzina presente suoi ricordi una splendida donna. Inoltre, coglie quasi come una sfida l’atteggiamento di apparente disinteresse, quasi di ostilità, che lei manifesta in sua presenza.

In lui, nasce il bisogno di conoscerla e di trovare un qualsiasi pretesto per frequentarla.

I loro incontri diventano occasioni capaci di alimentare una fiamma presto destinata a trasformarsi in un vero incendio. I due sono destinati a donarsi vicendevolmente il cuore e ad assaporare la felicità.

«Sentì Emmeline fremere e trattenere il respiro, e quando le dita di lei si allargarono per intrecciarsi alle sue, capì che il suo cuore le apparteneva per sempre.»

L’amore cresce e sembra diventare ogni giorno di più forte ed indissolubile.

Julian è attraente, navigato e di notevole esperienza. Un giovane bello, capace di fare grandi promesse e di compiere grandi gesti.

Ma le promesse possono essere  sempre mantenute? 

«”Altro è promettere, altro è mantenere.”»

Cosa succede se il destino sembra assecondare la cattiveria umana? Se la crudeltà veste i panni del padre padrone di Julia, un insensibile Duca, egoista e vendicativo?

Oppure, se si nasconde nella ricca sottoveste della bellissima e perfida cugina, Charlotte? Soprattutto quando quest’ultima è pronta a tutto per soddisfare i suoi capricci, la sua cupidigia, la sua sete di potere e le sue innumerevoli e insaziabili voglie? O forse, più semplicemente, per appagare il suo bisogno di essere amata?

Emmeline

Emmeline

Con Emmeline non bisogna illudersi di leggere una storia d’amore tutta cuori e romanticismo, perché questo libro è una vera e propria scarica di scabrosa e passionale adrenalina, una scossa defibrillante, assolutamente vietata ai deboli di cuore.

«A volte si compiono gesti che vanno oltre la nostra capacità di comprensione, strade che siamo costretti a percorrere per motivi sconosciuti agli altri.»

Basterebbe leggere il prologo, per dare un senso alle mie parole e intuire subito che la lettura di Emmeline suscita un incessante e meraviglioso tormento. 

Come riuscire a trasmettervi tutte le emozioni che mi hanno travolta sin dalle primissime pagine e che, ancora adesso, echeggiano nel mio cuore? 

Sdegno, trepidazione, sgomento, indignazione, rabbia, coinvolgimento. Ma anche un vero e proprio sentimento di amore-odio verso molti dei personaggi che Estelle Hunt ha saputo rendere così umanamente imperfetti, da suscitare delle sensazioni, nei loro confronti, che difficilmente si possono poi dimenticare.

Questa autrice, capace di una scrittura ricercata e raffinata, chiaramente dotata di una ottima preparazione storica, ha saputo realizzare un bellissimo romanzo che, nonostante l’accuratezza nella descrizione dei dettagli, presenta una notevole fluidità di lettura che conquista completamente l’attenzione del lettore.

Emmeline, è un storico coraggioso che non teme giudizio o recensione. In esso si parla della fragilità umana, della debolezza della carne, ma anche della passione, della forza indistruttibile del vero amore, della capacità di perdono e della necessità di non perdere la speranza di essere felici e di avere nuove possibilità.

Un libro assolutamente da non perdere!

Vi lascio alla lettura ma, fate attenzione! Esiste il rischio concreto di innamorarvi.  Non di Julian,  ma di un newyorkese, nobile di spirito, a cui personalmente, se potessi, oggi stesso, consegnerei l’Oscar come miglior personaggio maschile non protagonista!

«L’amore è olocausto, a volte necessita di una totale abnegazione e non tutti sono pronti ad affrontarlo.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *