Dragos va a Washington

Dragos va a Washington di Thea Harrison

Dragos va a Washington

Titolo: Dragos va a Washington
Serie: Razze Antiche #8.5, Autoconclusivo
Autore: Thea Harrison
Genere: Paranormal Romance
Narrazione
: Terza persona
Tipo di finale: Chiuso
Numero di pagine: 147
Data di pubblicazione: 17 Marzo 2020
Editore: Triskell Edizioni
Trama: Dragos Cuelebre, Lord dei wyr, dà una festa durante la quale deve cercare di non mutilare nessuno.

Non è così facile come sembra. Dopo i devastanti eventi dei mesi precedenti, le Razze Antiche si dirigono a Washington per promuovere la pace con l’umanità. Dragos non è conosciuto per le sue capacità diplomatiche, e deve quindi fare affidamento sulla compagna Pia, che lo aiuta a combattere la battaglia con parole e sorrisi gentili, anziché con gli artigli. Dragos è in fase d’accoppiamento, per cui è molto irascibile, e nell’aria aleggia un sentore di violenza.
Quando viene ucciso il marito umano di un’importante esponente della politica, Dragos e Pia corrono ancora una volta contro il tempo per scovare l’assassino, prima di essere accusati loro stessi del crimine.

Per i fan de Il legame del drago e Deus Machinae, questa novella delle Razze Antiche è piena di passione, pericolo, intrighi politici, e rivelazioni che cambieranno per sempre le vite di Dragos e Pia.
Dragos va a Washington apre la trilogia su Dragos, Pia e il figlio Liam. Ogni storia può essere letta individualmente, ma consigliamo ai fan di leggere i libri nell’ordine in cui sono stati pubblicati: Dragos va a Washington, Pia vola a Hollywood e Liam conquista Manhattan.

Attenzione! La recensione può contenere spoiler dei volumi precedenti della serie.

Dopo aver perso la memoria a causa di un incidente, Dragos, Lord dei Wyr, ha scelto di accoppiarsi nuovamente con Pia e ora, però, entrambi si ritrovano a fare i conti con le conseguenze di questa scelta. Ogni Wyr, quando si trova nella fase dell’accoppiamento, è più aggressivo e imprevedibile.
A causa di tutti i recenti avvenimenti che hanno coinvolto le Razze Antiche e gli umani, è stato indetto un Summit per concordare delle misure preventive e garantire la pace e l’alleanza tra tutte le popolazioni. L’occasione perfetta per mettere alla prova il legame appena ricreato tra Dragos e Pia.

Il Wyr, infatti, non è certo famoso per la sua pazienza e diplomazia. Al contrario è temuto da molti e invidiato da altri proprio per il suo potere e per la sua spietatezza. Questo viaggio metterà a dura prova la pazienza del drago; una settimana di impegni e galà, incontri con alleati e oppositori, strette di mano e balli, cene e pranzi con il solo scopo di mediare una pace precaria.
Dei due è Pia quella più diplomatica e mansueta, l’unica capace di tenere a bada la frenesia del suo compagno, ma quando il marito della vicepresidente della Casa Bianca verrà ritrovato morto, entrambi dovranno fare i conti con la situazione e cercare una soluzione per trovare l’assassino ed evitare così di essere accusati a loro volta.
Ci riusciranno? Ma, soprattutto, riuscirà Dragos a mantenere la calma e non farsi sopraffare dalla frenesia causata dall’accoppiamento?

Dragos va a Washington è un concentrato di sangue, pericolo e desiderio. Anche in semplici novelle Thea Harrison ha la capacità di creare storie interessanti con personaggi imprevedibili. Sia che si tratti di nuovi protagonisti che di vecchie conoscenze, l’autrice riesce sempre ad aggiungere qualcosa in più alla loro personalità, riesce a renderli più accattivanti per il lettore. Penso di aver letto qualcosa come 6/7 storie – tra i libri principali e le novelle – su Dragos e Pia eppure non me ne sono ancora stancata.

Ogni volta che leggo di loro è come tornare all’inizio, al princìpio, dove tutto è iniziato: dal primo libro della serie.
Questi due personaggi, con pregi e difetti, hanno il potere di essere sempre coinvolgenti e farmi desiderare di poter leggere ancora di loro, di sperare in nuovi libri piuttosto che novelle, ma non ho proprio idea di cosa deciderà di fare l’autrice.
Il mondo delle Razze Antiche ha tantissimo potenziale e spero che la Harrison decida di esplorarlo ancora, di farci conoscere nuove creature come i demoni e approfondire le streghe, ma non solo. Ogni Wyr, infatti, è differente. Ogni Wyr ha delle capacità e una personalità complessa e diversa da chiunque altro, e non ne ho mai abbastanza.

Dragos va a Washington, inoltre, è la prima di tre novelle che raccontano della Prima Famiglia Wyr. Questo significa che per un po’ ho ancora un collegamento con questa serie e non vedo l’ora di poter leggere questi brevi racconti per scoprire cosa succederà tra Dragos e Pia, ma anche come Liam reagirà ad una certa notizia che non vi svelo, ma che mi ha fatta sorridere.
Siccome avevo già letto il nono volume, pubblicato dalla Casa Editrice prima di queste novelle, ero già a conoscenza della sorpresa, ma viverla attraverso gli occhi di Pia e Dragos è stato molto più bello e coinvolgente.

Io ormai penso di essere succube di questa serie, ma voi l’avete già letta? Avete una creatura preferita? I miei, senza alcun dubbio, sono i Wyr. Ma io sono ancora qui che sogno Tiago, il Wyr uccello del tuono protagonista del secondo volume della serie, quindi penso di essere leggermente di parte, ma quando è apparso in questo libro vi posso assicurare che mi sono sciolta in un brodo di giuggiole. Assurdo, vero? Eppure è il potere della lettura. Vi aspetto alla prossima novella!

Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito la copia ARC in cambio di una sincera ed onesta recensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *