Broken

Broken di Nicola Haken

Broken

Titolo: Broken
Serie: Stand Alone
Autore: Nicola Haken
Genere: Contemporary Romance, LGBTQ, Gay Romance
Narrazione
: Prima persona, pov alternato
Tipo di finale: Chiuso
Data di pubblicazione: 25 Novembre 2019
Editore: Quixote Edizioni
Trama: Quando Theodore Davenport decide di smetterla con i lavori banali, e intraprendere una vera carriera, entra con entusiasmo alla Holden House Publishing, determinato a ottenere ciò che vuole. Tutto va secondo i piani: prende confidenza con il suo ruolo, conosce nuovi amici e sogna di arrivare al successo.
Finché non conosce James Holden, amministratore delegato della Holden House.

James Holden non riesce a smettere di pensare all’incontro della settimana precedente con un ragazzo timido, nel bagno di un club, e non appena scopre che l’uomo che tormenta i suoi sogni è uno dei suoi impiegati, non può evitare di rincorrerlo.
Solo per divertirsi… è questo che James ripete a se stesso. Non può affezionarsi a qualcuno che non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti, perlomeno non quando avrà scoperto il suo segreto. James crede che nessuno meriti il fardello di essere legato a lui. È un uomo complicato. Danneggiato. Difficile. Problematico.Spezzato.

Theodore sarà abbastanza forte da affrontare i demoni di James? Domanda ancora più importante… lo sarà James?

Ama ogni parte di me

Era da qualche mese che non leggevo un Gay Romance e ammetto che mi era mancato tantissimo vivere e percepire l’amore attraverso gli occhi di due uomini.
Non ne ho letti molti, ma ogni volta riesco a percepire qualcosa di più profondo dell’amore di cui leggo di solito. Qualcosa di più puro, meno artefatto e stereotipato.
Ogni autore deve essere in grado di rendere i propri personaggi reali, di trasmettere attraverso la scrittura ogni emozione e sentimento che provano, così come ogni situazione vissuta.
E Nicola Haken è stata in grado di far tutto questo e molto di più, perché Broken non è la solita storia d’amore tra due uomini, non è il solito clichè della storia tra impiegato e capo.

Broken è un libro capace di toccarti l’anima, ferirti con la sua durezza, ma che poi riesce a sanare quelle stesse ferite con l’amore.

Non sono solamente un lettore, o uno scrittore; inspiro le parole scritte come se fossero ossigeno. Non è un hobby. È una passione. La gente mi incuriosisce. La vita mi incuriosisce. Vedo una storia dietro ogni sguardo che incrocio, in ogni voce. Quando vedo qualcuno sorridere, mi chiedo quale sia il motivo. Le parole mi consentono di immergermi in un altro mondo, permettendomi di diventare una eprsona diversa.

Theodore Davenport – soprannominato dagli amici Theo – è un ragazzo ventisettenne con un sogno che si sta realizzando: far conoscere a più persone possibili le sue storie.
Ora, grazie allo stage ottenuto presso una grande casa editrice, può finalmente conoscere ogni retroscena di una pubblicazione e far tesoro di tutto ciò che apprende per poter crescere e magari, un giorno, essere pubblicato da quello stesso editore.

Uno stage non è il modo più semplice per guadagnarsi da vivere, ma Theo non si arrende e – nonostante alcuni colleghi pessimi e il ruolo di porta caffè – riesce a conoscere delle persone vere, buone e gentili che amano quel lavoro. Delle persone con cui il ragazzo riesce ad instaurare un vero rapporto di amicizia.
Una sera decidono di uscire insieme e, all’interno della discoteca del quartiere gay, esattamente nel bagno del locale, Theo si lascia andare a qualcosa che sa non essere proprio da lui: sesso con uno sconosciuto.
Uno sconosciuto davvero sexy, con lo sguardo magnetico e l’aura autoritaria e decisa, ma l’uomo è pur sempre uno sconosciuto e lasciarsi andare con lui, senza conoscerne nemmeno il nome, non è qualcosa da Theo. Eppure è ciò che succede.

Posso provare a negarlo, ma so che è una bugia. Sto perdendo la testa per James Holen davvero in fretta. Troppo in fretta. Percepisco il pericolo, ma non posso fermarmi. Non voglio.

Pensava che non avrebbe mai più rivisto quell’uomo che era riuscito a calamitare la sua attenzione. Pensava di potersi lasciare tutto alle spalle e andare avanti, ma quando si ritrova quello stesso uomo a lavoro – precisamente seduto dietro la scrivania che appartiene al CEO della Casa Editrice – Theo capisce subito che non può fingere che non sia mai successo nulla tra loro, soprattutto quando l’uomo in questione sembra deciso a ricordarglielo ogni secondo.

James David Holden. L’amministratore delegato della Holden House Publishing. L’uomo che in azienda ha la reputazione di farsi ogni nuovo stagista e impiegato gay, non è altri che l’uomo dell’incontro in bagno di Theo.

James pensava di essersi fatto semplicemente una sc*pata per divertimento, ma da quella sera al locale non riesce a smettere di pensare al ragazzo sconosciuto, una cosa, questa, che non gli è mai accaduta.
Lui si diverte, da e trae piacere dagli incontri occasionali, ma ogni singolo uomo con cui è stato è sempre stato solamente uno sfogo momentaneo, nulla di più, perché James non vuole alcun tipo di legame.
Quindi perché continua a pensare a quel ragazzo?

Deciso a ignorare il ricordo dell’incontro si concentra sul lavoro, fin quando quello stesso ragazzo non appare nel suo ufficio… perché lavora per lui.
Non si è mai fatto problemi a intraprendere rapporti fugaci con membri del suo staff lavorativo, ma qualcosa gli dice che con Theo non sarà così facile, ed ha ragione.
Una relazione – o corteggiare qualcuno – non è mai stata nei piani, ma qualcosa lo spinge verso Theo e non è disposto ad accantonare ciò che il suo istinto gli suggerisce, nonostante il suo segreto.

Non ho mai provato niente di simile. Il nostro legame è così forte che non credo che riuscirò mai più a essere solamente me. Lui fa parte di me. Mi completa. Ha riempito un vuoto che non sapevo nemmeno esistesse, prima di lui.

James è consapevole che appena la verità verrà svelata tutto cambierà; nessuno può amarlo, non totalmente.
Ha un carattere particolare, non può permettersi il lusso di provare emozioni vere né quello di essere amato, perché nessuno sarà mai in grado di amare ogni parte di lui, nessuno sarà in grado di capirlo fino in fondo e soprattutto nessuno ha bisogno di farsi carico del fardello con cui è costretto a vivere ogni giorno.

Ma come può allontanare Theodore, quando la sua sola presenza riesce a rendere più sopportabile la situazione? È da egoisti voler provare la felicità, sapendo che finirai solo per deludere e far soffrire l’altra persona?

Broken è un libro che tocca un tema davvero importante e delicato, ma l’autrice è stata molto brava a saper scrivere una storia mostrandoci ogni lato e sfaccettatura di qualcosa con cui molte persone sono costrette a vivere ogni singolo giorno. Non vi svelerò nulla riguardo a questi demoni, questo segreto con cui James convive da tutta la vita, perché sono fermamente convinta che meriti di essere letto e toccato con mano da ognuno di noi durante la lettura.
Anche se non sarà assolutamente facile.

Non vogliono che io viva, esisto a malapena, e io gliel’ho permesso. Tuttavia, Theodore è riuscito a farsi strada dentro di me. Mi fa sentire di nuovo e… mi piace. Adoro il barlume di speranza che provo nel petto ogni volta che mi sorride, l’eccitazione allo stomaco quando ride, anche se mi sento in colpa quando lo faccio incazzare. Sono emozioni che non provavo da parecchio e adesso ne desidero di più, desidero lui, desidero la vita.

Broken non è un romanzo che parla solamente di una storia d’amore. Al contrario racchiude, tra le sue pagine, la lotta interiore di un uomo – della sua mente – e di come ogni giorno quest’uomo debba cercare di sopravvivere, quando tutto ciò che vorrebbe fare è lasciarsi andare.
La vita non sempre riesce a regalarci momenti felici e semplici. A volte arrivano periodi più o meno bui. A volte ci ritroviamo a chiederci se sarebbe così sbagliato mollare, arrenderci. E a volte lo facciamo, ci lasciamo andare agli eventi, ma questo non significa essere deboli. Significa solamente che, in quel momento, non riusciamo più ad essere così forti.

Ho trascorso la mia vita nella menzogna. A nascondermi. Ho pensato che stare da solo fosse la cosa migliore, ma non mi ha reso felice. Forse è in questo che mi sono sempre sbagliato. Forse non ho bisogno di stare da solo. Forse dovrei fidarmi abbastanza di qualcuno da potergli cofidare i miei problemi. Forse… forse è questa la chiave per la felicità.

Se da un lato veniamo inghiottiti dal segreto di James e dobbiamo fare i conti con tutto quello che l’uomo prova ed è costretto da sempre a sopportare, dall’altro possiamo rispecchiarci totalmente in Theodore. Spaesato, impreparato, impotente e insicuro. Di fronte alla realtà dei fatti è facile sentirsi in questo modo. Io stessa non sapevo come sentirmi, cosa provare in merito, ma mi sono arresa e, così come ha fatto Theo, ho lasciato che tutto accadesse così come doveva accadere. Sono andata avanti a leggere un passo alla volta.
E forse per questo motivo ho percepito così chiaramente e profondamente ogni aspetto di questa storia.

Durante la lettura di Broken mi sono imposta di non giudicare James per il suo stile di vita, perché non ero a conoscenza del suo background.
Mi sono lasciata trasportare dalle parole, dalle situazioni e dai personaggi e ora, a lettura ultimata, posso affermare che questo tipo di storie, se scritte così bene, hanno un potere enorme: sono in grado di farti conoscere meglio qualcosa che hai sempre sentito lontano anni luce da te, sono in grado di fartelo provare sulla pelle e farti capire come, a volte, anche nelle situazioni più difficili, la pazienza e la fiducia siano tutto, così come l’amore.

«Non so che cosa succederà adesso.» Sorrido mentre gli accarezzo il viso arrossato. Un’azione così semplice ma piena d’amore, speranza… tante promesse. «Andremo avanti,» sussurro, accarezzandogli i capelli umidi. «Un respiro,» lo bacio di nuovo sulle labbra. «Un bacio… alla volta.»
Andare avanti non sarà facile, soprattutto per James. Ha parecchio ancora su cui lavorare, demoni da affrontare prima di guarire, ma mentre lo farà, io sarò con lui. Al suo fianco. Sempre.

La storia che volevamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *