Backstage

Backstage di Erika Vanzin

Backstage

Titolo: Backstage
Serie: 1# Roadies Series, autoconclusivo
Autore: Erika Vanzin
Genere:  New Adult – Music Romance
Tipo di finale: Chiuso
Narrazione: Prima persona, POV alternati dei protagonisti (Lilly  & Damian)
Numero di pagine: 486
Data di pubblicazione: 21 luglio 2020
Editore: Self Publishing
TRAMA:
«Sono immune a tutto questo fascino da celebrità.»
«No, non lo sei, ho visto come sbavavi per Damian lì dentro.»
«Solo una pazza non strapperebbe volentieri i vestiti di dosso a tutto quel ben di Dio, ma non per questo non gli pianterei un pugno in faccia quando fa lo stronzo.»

Lilly è una bassista emergente che sogna di arrivare in cima alle classifiche di tutto il mondo assieme alla sua band. Salire su un palco e suonare la sua musica è tutto ciò che desidera fare nella vita. C’è un’unica cosa che la frena a tal punto da sperare che il suo sogno non si avveri mai: soccombere alla pressione mediatica che deriva dalla popolarità.

Damian è il cantante leader della rock band più famosa al mondo. Lui è abituato a stare in cima alle classifiche e al centro dell’attenzione, sembra nato per essere inseguito dal gossip. Ha un unico scopo nella vita: continuare a vivere immerso nella fama per non tornare alla sua vita precedente.

Damian accetta di stare sotto i riflettori, Lilly li evita scomparendo nell’anonimato.

Lui non è disposto a rinunciare al suo attico a Manhattan, lei è preparata a dividere il microscopico appartamento di Brooklyn con i suoi genitori.

Lui evita a tutti i costi le complicazioni, lei è una che di complicazioni se ne porta dietro tante.

Le loro vite sono totalmente incompatibili ma c’è un unico problema: dovranno condividere mesi di tour con le loro rispettive band.

Oggi il Blog Tour per il primo volume della Roadies Series di Erika Vanzin fa tappa da noi. Backstage trascina il lettore sugli spalti e permette di conoscere, tra sound ed emozioni, due gruppi musicali diametralmente opposti ma che si ritrovano a condividere nello stesso palco l’unica cosa capace di unirli e di azzerare tutte le loro differenze: l’amore per la musica.

«Loro in una vita fatta di lusso e sfarzo, noi con le birre da novanta centesimi al supermercato perché già quelle da un dollaro ci manderebbero in bancarotta. Loro super famosi con una ragazza diversa ogni sera, noi con la difficoltà di trovare qualcuno che voglia avvicinarsi a degli sfigati.»

Da un lato ci sono i Jailbirds, un gruppo rock di fama mondiale, alle vette delle classifiche. Loro sono sempre sotto i riflettori di tutte le testate di gossip e musica, acclamati da tantissimi fans e followers. I membri della band sono quattro amici accomunati da un passato difficile che, grazie alla loro canzoni ed al successo che ne è derivato, sono in qualche modo riusciti a lasciarsi alle spalle.

Proprio la loro notorietà, però, spesso costringe Thomas il batterista, Michael il chitarrista e Simon il bassista, a nascondersi dalle ragazzine pronte a tutto pur di ottenere una foto. Per non parlare dei paparazzi sempre appostati alla ricerca dello scoop del momento.

Ma è soprattutto Damian Jones, compositore e cantante del gruppo, ad avere incollata addosso la fama dello sciupafemmine. Qualsiasi approccio lui abbia con l’altro sesso può, da un momento all’altro, diventare motivo di guai per il resto della band. 

Per fortuna la loro carriera è gestita da una persona in gamba come Evan, il loro manager, che li ha sempre aiutati a fare le scelte giuste sia per sfruttare al massimo le loro potenzialità sia per uscire a testa alta anche dalle situazioni più imbarazzanti.

Proprio la necessità di distogliere l’attenzione della stampa dall’ultimo pettegolezzo che riguarda il tenebroso Damian, costringe il gruppo a indire un concorso che permetterà, ad una band emergente, di aprire i loro concerti durante il tour che si apprestano a fare da lì a qualche mese.

Le selezioni portano alla scoperta dei Red Velvet Courtains, un gruppo di giovani ragazzi uniti dalla musica e dalla necessità di superare le ingiustizie e la mediocrità. Loro sono Lilly, Martin, Taylor e Lucas, o Luke. 

Lilly Jenkins è l’unica ragazza della band, ma è anche l’elemento portante. Tutta la passione e la sicurezza che imprime sulle corde del suo basso, quando il suono si disperde e la musica cessa di vibrare si trasformano in paura, ansia ed insicurezza.

« …“se mi viene un attacco solo a pensare di partecipare al concorso, come posso mettermi lì e farlo per davvero?”»

BackstageLei è costantemente in lotta per tenere sotto controllo il suo peso, non vuole mostrare mai il suo corpo, nonostante sia una bellissima ragazza e l’idea di esibirsi e addirittura di vincere il concorso la terrorizza. 

«Per gli altri quella che indosso è solo una felpa, ma per me è la corazza che mi serve per sentirmi al sicuro e fare quello che più mi piace: musica.»

La sua paura non è quella di suonare e cantare di fronte a tantissime persone. Quello che la fa entrare in panico è l’idea di essere osservata e criticata per il suo aspetto.

Le sue insicurezze derivano da qualcosa che le è accaduto quando era adolescente e solo l’affetto che la lega agli altri membri del suo gruppo la convince ad affrontare le selezioni e alla fine ad accettare di salire sul tourbus con i Jailbirds.

«Sono stati loro a salvarmi quando pensavo non ci fosse più speranza per me e, anche in questo momento, Luke è qui a tenermi stretta per non farmi cadere a pezzi.»

La presenza di Damian per Lilly diventerà presto importantissima. Non solo perché lui è bellissimo e lei ne è fortemente attratta, ma perché tra loro si stabilisce una sintonia profonda che va al di là della sfera artistica e professionale.

«Gli è bastato usare la sua voce roca che ti fa vibrare fin nelle viscere e la carica sensuale che mette sul palco per avermi ai suoi piedi.»

Damian è incantato dalla bravura di Lilly, ma anche da lei come persona. Lei riesce a vederlo veramente. 

«…sfodera il suo solito sorriso strafottente, che ho imparato a riconoscere quando è orgoglioso di qualcosa ma non vuole darlo a vedere.»

Con lei riesce a provare sensazioni nuove che lo destabilizzano. Lui non vuole relazioni con nessuna donna, perché è convinto di non essere capace di avere una storia seria. E lei merita molto di più. Ma riuscirà a starle lontano?

Lilly impara, prova dopo prova, giorno dopo giorno, a conoscere realmente ciò che si nasconde dietro la facciata della rockstar. Lei vede tutte le sfumature e le contraddizioni che coesistono in Damian rendendolo rude ma protettivo, strafottente ma sensibile, pericoloso ma rassicurante.

La talentuosa bassista, nonostante le sue fragilità, ha una personalità molto forte, non teme il confronto con Damian o lo affronta sempre con determinazione.  

Se lui è presente, a vacillare, sono le sue insicurezze perché sopraffatte da tutte quelle emozioni intense e incontrollabili che è in grado di suscitarle.

Resistere alla chimica che c’è tra di loro sarà sempre più difficile. Ma cosa potrebbe accadere se Lilly si lasciasse andare? Riuscirebbe a farsi bastare quello che lui dichiara di poter dare?

Per scoprirlo non vi resta che acquistare il biglietto per il prossimo concerto dei Jailbirds con i Red Velvet Courtains ed avere libero accesso al Backstage.

Erika Vanzin ha scritto un altro bel romance. L’unico appunto che posso fare? Nella copia ARC, gentilmente concessa per la recensione, nei vari capitoli non è specificata l’alternanza dei POV. Un’inezia facilmente superabile perché bastano poche parole per capire a chi appartiene la voce narrante.

Per il resto Backstage è un music romance ben scritto e molto interessante dal punto di vista musicale, perché Erika Vanzin è stata attenta ai particolari permettendo di osservare ciò che succede fuori dal palco, quando si spengono i riflettori o quando si è in attesa dell’esibizione successiva. Il lettore, si mette nei panni sia dei musicisti famosi che vivono i pro e i contro della notorietà, ma anche di chi ancora si limita a sognare di sfondare e di avere una rivincita sulle ingiustizie subite.

I personaggi sono tutti ben caratterizzati, anche quelli secondari che sicuramente si faranno conoscere meglio nei prossimi volumi della Roadies Series.

In Backstage la musica diventa salvezza e riscatto ma anche un magico collante tra persone apparentemente diverse ed incompatibili. Giovani ragazzi bisognosi di stabilità ed affetto che, grazie alle note, raggiungono complicità e sintonia che presto si trasformano in amicizia e sentimenti sinceri.

Un Music Romance assolutamente da non perdere.

«Mi sento una preda incapace di scappare di fronte al predatore che ha voglia di giocare con la cena.»

Copia ARC inviata gratuitamente dall’Autrice in cambio di una recensione onesta e sincera.

 

 

 

 

Per acquistare Blackstage clicca QUI 

Per legger la recensione di La giara delle imperfezioni clicca QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *