An Aristocratic New Year di Daria Torresan e Brunilda Begaj

An Aristocratic New YearTitolo: An Aristocratic New Year

Autore: Daria Torresan e Brunilda Begaj

Serie: novella natalizia tratta da The Aristocrats

Genere: New Adult – Forbidden Romance (Autoconclusivo)
Narrazione
: Prima persona, POV alternati (Bianca, Lajza e Manol)

Tipo di Finale: Concluso

Temi Affrontati:

Editing: Impeccabile
Data di pubblicazione
: 16 dicembre 2019
Editore
: Self Publishing

Trama:

Sono trascorsi dodici anni, ma i signori dell’est Europa sono rimasti gli stessi di sempre: potenti, presuntuosi e sexy. La guerra tra le famiglie si è conclusa con la deposizione delle armi e l’unione delle casate. Ma se gli aristocratici credono che la strada davanti a loro sia ormai spianata e in discesa, si sbagliano.

Non hanno fatto i conti con le giovani figlie, dotate entrambe dei geni vincenti delle Norik e di quelli boriosi dei Doko.

E buon sangue non mente, perché due ragazze di alto rango e di una bellezza celestiale come loro non passano inosservate.
E se attirassero l’attenzione di un compagno di liceo, magari il bad boy della scuola?

O, peggio, quella di una guardia del corpo che invece di chinare il capo ed eseguire gli ordini ha la sfrontatezza di sollevare lo sguardo su una di loro? Rezart e Roel saranno anche due padri il cui senso di protezione sfiora l’assurdo, ma questo che sta per arrivare ha tutta l’aria di essere un Capodanno col botto con o senza le loro intromissioni.
Potrebbe esplodere ben più di qualche fuoco d’artificio.
An Aristocratic New Year è una novella natalizia tratta da The Aristocrats.
Si consiglia la lettura solo dopo aver letto il romanzo.

Ama ogni parte di me

Buongiorno Colours e bentrovate, passate bene le feste?

Dopo la pausa del blog, proprio per le festività, riapriamo più cariche che mai, con una novella dal sapore speziato.

Vediamo un po’, quanto vi sono mancati i Doko? E le Norik?

Tanto! Allora non dovrete assolutamente perdervi questo scorcio delle loro vite nell’avvolgente atmosfera natalizia, dove tutto si colora di oro e di rosso come il potere e la passione: due immancabili protagonisti di questa breve storia.

Avvertenza: trattandosi della novella di The Aristocrats, potrebbe contenere spoiler, si consiglia la lettura solo dopo aver letto il romanzo.

Pronte a conoscere i protagonisti di An Aristocratic New Year?

Sono trascorsi dodici anni, ma i signori dell’est Europa sono rimasti gli stessi di sempre: potenti, presuntuosi e sexy.

La guerra tra le famiglie si è conclusa con la deposizione delle armi e l’unione delle casate.

Ma se gli aristocratici credono che la strada davanti a loro sia ormai spianata e in discesa, si sbagliano.

Le nuove generazioni, stanno crescendo e sono pronte a portare scompiglio nella grande famiglia.

Bianca e Lajza sono due cugine estremamente diverse ma unite e leali l’una con l’altra.

Bianca è la diciottenne figlia di Kleisa Norik e Rezart Doko, è allegra, spavalda e desiderosa di avere una vita normale – quella che non le concede il cognome che porta -.

Vorrebbe essere come le sue coetanee, partecipare alle feste ed avere un ragazzo.

L’oggetto delle sue attenzioni è Gash, il bad boy della scuola, colui che è perennemente accerchiato dalle “dive” della scuola e, quando questo, le chiede di partecipare come sua accompagnatrice al ballo di Natale, non le sembra vero.

Ma è tutto oro quello che luccica? E Gash si rivelerà realmente quello che sembra?

«Dove ti sei nascosta per tutto questo tempo, Bianca?»«Non mi sono nascosta» gracchiai, la voce che tremava per l’emozione. «Sono sempre stata qui. Eri tu che non mi vedevi.»

Poi c’è Lajza, la sedicenne figlia adottiva di Keleste Norik e Roel Doko – la mia coppia preferita in The Aristocrats – che è più timida rispetto a  Bianca, ma più determinata, arrogante e sicura di sé; ed ha anche ben chiaro chi è l’uomo che vuole.

 Perché sì, colui che da sempre è nel suo cuore ha venti anni più di lei ed è la sua guardia del corpo: Manol.

Ero passata davanti a loro calma e composta, ma dentro di me sanguinavo. Quella sera mi era sembrato ancora più bello e irraggiungibile. Già perché, sebbene fosse a mia disposizione, sebbene fosse ai miei ordini, non era mio. Non come io avrei voluto.

Il loro è un amore impossibile, l’uomo è, ed ha tutto quello che possiede grazie a Kendra Norik che, dopo la morte della madre lo ha accolto in casa sua come se fosse un figlio permettendogli di studiare e lavorare per lei.

Un bacio frenetico, disperato, un bacio che era stato desiderato da tempo e che forse nessuno dei due sperava ci saremmo mai scambiati. Un bacio proibito, segreto. Il bacio tra una giovane aristocratica e la sua guardia del corpo: una belva vent’anni più grande. Un bacio sbagliato. Eppure così intenso, così liberatorio, così soddisfacente… come mai un bacio lo era stato prima. La verità era che a me quella ragazzina piaceva davvero, e anche se mi raccontavo la favola che era solo una tentazione passeggera che avrei potuto facilmente controllare, sapevo che mi stavo solo prendendo in giro.

E poi Roel gli taglierebbe le palle se solo sapesse che è attratto dalla figlia sedicenne.

«Mi farai uccidere» bisbigliò roco. Poi aggiunse le sei parole più belle che avessi mai udito: «Ma ne sarà valsa la pena.» E si scagliò sulle mie labbra. In un attimo i nostri corpi si attorcigliarono, si avvinghiarono, e le nostre bocche si risucchiarono a vicenda. Entrambi vittime di un desiderio represso troppo a lungo.

Secondo Voi, Lajza abbandonerà i propri propositi di sedurre la sua guardia del corpo?

Per scoprirlo, vi basterà un’oretta in compagnia di An Aristocratic New Year.

An Aristocratic New Year

Che io ami le Norik e i Doko è un dato risaputo, com’è risaputo che stimi profondamente la penna e la mente di Daria e Brunilda.

Non si smentiscono mai e, ancora una volta, l’ennesima, sono state capaci di regalarci personaggi ricchi ed estremamente interessanti.

An Aristocratic New Year è stato come un ritorno a casa, ritrovare la famiglia al completo o quasi, è stato straordinario condividere con loro momenti di festa, emozioni, paure, gioie e dolori. Un centinaio di pagine sono troppo poche ed io voglio, anzi no, esigo un intero romanzo su Manol. Daria, Brunilda che dite?

LO CONSIGLIO SE…

  • Avete amato i Doko e le Norik.
  • Siete curiose di conoscere la loro progenie e i loro sentimenti.
  • Cercate una storia breve che vi faccia battere il cuore.

A questo punto, non dovrete fare altro che cliccare qui sotto, ed acquistare An Aristocratic New Year, agli abbonati ad Amazon Unlimited non costerà un solo centesimo.

Buona Lettura

Prezzo: Vedi su Amazon.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *