Ama ogni parte di me di Nicky James

Titolo: Ama ogni parte di me
Serie: Stand Alone
Autore: Nicky James
Genere: Slow Burn – Contemporary Romance, LGBTQ, Gay Romance
Narrazione: prima persona, pov maschile (Vaughn)
Tipo di finale: Chiuso
Data di pubblicazione
: 31 agosto 2019
Editore: Quixote Edizioni
Trama: Il ventottenne Oryn Patterson non è come tutti gli altri. Essere introverso ed estremamente timido è solo parte del problema, poiché è affetto da disturbo dissociativo dell’identità. A un occhio esterno, può sembrare una persona normale, ma passando cinque minuti con lui, tutti i problemi con cui lotta ogni giorno iniziano a venire a galla.

Oryn condivide la sua vita e la sua mente con cinque alter ego, tutti molto diversi tra loro. Reed è un atleta dall’indole protettiva ed è decisamente etero.
Cohen è un ragazzino di diciannove anni, gay ed esuberante, che adora socializzare. Cove è un vero incubo, ha atteggiamenti autodistruttivi ed è tormentato dal proprio passato. Theo è un uomo asessuale e poco emotivo, e il suo obiettivo principale è mantenere l’ordine. Rain, infine, è un bambino di cinque anni che pensa solo a Batman.

Vaughn Sinclair è giunto a un punto morto nella sua vita. Quando il suo lavoro non gli dà più lo stesso brivido di una volta, decide che è tempo di sconvolgere la sua stagnante, noiosa routine.
Non sa che l’uomo che incontrerà, grazie alla sua improvvisa decisione di tornare al college, è tutto fuorché ordinario.
Il cuore di Vaughn sconfigge la logica e lui si ritrova a innamorarsi di questo strano nuovo amico. Ma come si fa ad amare qualcuno che non è sempre se stesso? Non sarà semplice, ma Vaughn è determinato a provarci.

Ama ogni parte di me

Oggi vorrei parlare di un romanzo MM edito dalla Quixote Edizioni che mi è entrato nel cuore e che reputo una delle letture più belle, emozionanti e coinvolgenti che abbia mai letto: Ama ogni parte di me di Nicky James.

Parto dal presupposto che non è una lettura semplice e non è il classico romance contemporaneo.
È un romanzo psicologico e molto intenso, ma che merita sicuramente di essere letto da ogni amante del genere MM, e perché no… anche da chi a questo genere non si è mai approcciato. Vorrei anche precisare che vengono affrontati temi forti come l’autolesionismo.

Il libro è narrato tutto dal punto di vista di Vaughn, che insoddisfatto della sua vita e del suo lavoro, decide di tornare a studiare al college per poter migliorare la sua posizione ed eventualmente trovare un lavoro che possa soddisfarlo a pieno. Inizialmente è un po’ incerto riguardo alla sua decisione, ma sarà proprio durante la prima lezione che conoscerà Oryn Patterson.

Oryn è un ragazzo molto timido e introverso, in classe tiene sempre la testa bassa e fa sempre finta di niente di fronte agli scherni dei compagni di corso.

Vaughn è subito attirato da questo ragazzo, lo incuriosisce e grazie ad un progetto di coppia assegnato dal docente del corso, Vaughn coglie la palla al balzo per poter conoscere e collaborare con l’unica persona che sembra aver catturato la sua attenzione, Oryn.

Tra i due non è facile instaurare un rapporto collaborativo inizialmente, perché Oryn ha un segreto… un segreto che grava sulle sue spalle che non ha fatto altro che rendergli la vita un vero inferno e tutto quello che ha sempre conosciuto dalle altre persone sono solo la cattiveria, lo scherno e la derisione.

È comprensibile date queste premesse che Oryn non si fidi per nulla dell’uomo gentile che gli chiede di essere una coppia per svolgere il progetto per il corso di Marketing, ma Vaughn ha una pazienza infinita e riuscirà ad ottenere la sua amicizia un passo alla volta.

Il ragazzo timido ed introverso, però, farà molta fatica a concedere quel briciolo di fiducia a Vaughn e aprirsi con lui… per poter lavorare insieme deve quindi svelargli il suo mistero: Oryn soffre di DDI, ovvero Disturbo Dissociativo dell’Identità, una patologia che si manifesta in seguito a delle violenze subite ripetutamente.

Egli condivide quindi il suo corpo con ben cinque alter ego che devono essere considerate e trattate come individui in carne e ossa: Reed, un eterosessuale convinto molto protettivo nei confronti di Oryn.
Cohen… Cohen è fantastico e tutto l’opposto di Oryn, ma spetta a voi lettori e lettrici scoprire il perché: è un ragazzo gay molto esuberante che non farà altro che farvi sorridere.
Theo, invece, è un amante dell’ordine e dell’organizzazione, l’ho trovato una figura davvero necessaria per equilibrare il protagonista e ne sono rimasta incantata.
Cove è un alter ego autodistruttivo tormentato dal proprio passato… e infine abbiamo Rain, un bambino adorabile di cinque anni che diventa matto per Batman, di cui non potrete non innamorarvi.

“Non ti fidi di me,” conclusi.
“No.”
“Cosa ci vuole per iniziare a farlo? Non sono una cattiva persona, non supererò mai i confini che Oryn non vuole superare.” Quando Reed alzò le sopracciglia con aria scettica, sospirai e aggiunsi: “Non consapevolmente, Non volevo… Reed, il mondo non è tutto cattivo, ci sono anche delle brave persone. Oryn non crede che io sia cattivo, quindi perché tu sei così sicuro che lo sia?”

Naturalmente il loro cammino è lungo e insidioso, Oryn fatica ad accettare la sua condizione ed è consapevole di ciò che comporta: vuoti di memoria, di poche ore sino ad intere settimane, gli alter ego che possono prendere il sopravvento e sostituirsi a lui in qualsiasi momento, sia per causa scatenante e sia senza alcun motivo.
Ma Vaughn ha una pazienza davvero infinita.
Più conosce Oryn più non fa altro che sentirsi attratto e affascinato, si impegnerà in ogni modo possibile per far crescere la loro amicizia, fino a farla diventare qualcosa di più forte.

“Nessuno è mai stato gentile con me. Non ho m-mai avuto un vero amico prima di incontrarti. Sono troppo diverso per la maggior parte delle persone, troppo imprevedibile. Non sono sempre me stesso, e di certo, in questo momento non riesco a controllare chi emerge e chi rimane indietro.”

Le difficoltà sono notevoli e non sempre facili da leggere, più volte mi sono ritrovata con gli occhi lucidi, ma anche con un sorrisone stampato in volto.

Entrambi i protagonisti sono ben delineati e ben sviluppati.
Vaughn è di una dolcezza unica, in ogni pagina si può benissimo sentire tutto l’amore e l’istinto protettivo che prova per questo ragazzo tanto timido quanto complicato.

Un tema molto importante che viene affrontato in Ama ogni parte di me è l’approccio con gli altri, con ciò che non si conosce.
L’autrice mostra benissimo le differenti reazioni dei bambini e degli adulti di fronti a cose a loro sconosciute. Ad esempio il fatto che un uomo di circa trent’anni improvvisamente si comporta come un bambino di cinque, in questo caso Rain, che con l’innocenza non capisce le reazioni aggressive degli adulti.

Rain rise forte insieme ai bambini alle mie spalle, e il loro battibecco infantile riguardo alle vetrine si fece abbastanza rumoroso e riuscimmo a sentirlo anche senza avvicinarci.
“Che diavolo ha che non va?” La donna sembrava sul punto di tornare indietro di gran carriera, ma mi parai di fronte a lei.
“Non giudichi qualcosa che non capisce, signora. Lo lasci in pace. Mi ha sentito?” dissi.

I personaggi secondari sono anch’essi importanti, ma non sono troppo invadenti. A parer mio, sono stati il giusto contorno con un equilibrio perfetto.
Evan, il migliore amico di Vaughn, nonostante spesso si comporti come un burlone, aiuta il protagonista a riflettere e gli sarà accanto nei momenti più duri, e la famiglia di Vaughn.

L’autrice è stata spettacolare nella descrizione di questa patologia, la fluidità con la quale tratta il passato di Oryn che lo ha poi portato a condividere il suo corpo con altre cinque personalità, la leggerezza nel trattare temi così duri e forti, un’abilità grandiosa dell’autrice che mi ha affascinata sin dall’inizio.

È il primo romanzo psicologico MM che ho letto e che ho trovato di una bellezza surreale. La scrittura è molto scorrevole, la traduzione è impeccabile e non appena l’ho iniziato non riuscivo più a metterlo giù. Ogni capitolo ti spinge sempre a proseguire e andare oltre per conoscere meglio i due protagonisti, conoscere i loro pensieri e conoscere le difficoltà che devono affrontare insieme per poter giungere al loro tanto meritato lieto fine.

“Insieme siamo forti. Insieme sopravvivremo”

Ripeto, Ama ogni parte di me non è il classico romance contemporaneo, è molto di più. I protagonisti sono sempre una sorpresa unica, ogni presupposizione che si pensa di poter fare è sempre sbagliata, non hanno fatto altro che sorprendermi. In ogni nuovo capitolo che leggevo c’era sempre un pezzo in più che andava a ricostruire tutto il puzzle di questa persona magnifica che è Oryn, e Vaughn sarà la sua guida in questo viaggio alla riscoperta di se’ stesso e verso il coronamento del loro amore.

“Sì, sei al sicuro con me,” gli assicurai. “Sempre.”

È stato molto difficile esprimere a parole la bellezza unica e rara di questo romanzo. Io spero di esserci riuscita anche solo un pochino perché è uno di quei romanzi che ti entra dentro e insegna moltissimo.
Non vi resta altro che buttarvi a capofitto in questa storia, leggere Ama ogni parte di me e conoscere Vaughn e Oryn… e i suoi alter ego, unici, come lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *